f In ricordo del maestro Pietro Scianna | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

In ricordo del
maestro Pietro Scianna

lunedì 2 ottobre 2017, 14:16   L'Opinione  

Letture: 3.669

di Giuseppe Martorana

Ciao Pietro, non addio, perché prima o poi ci rivedremo. Ritorneremo a parlare di scuola, di concorsi magistrali che anche negli anni Sessanta del secolo scorso erano molto ostici da superare. Ma poi ce l’abbiamo fatta. Parleremo anche della nostra “caccia” alle maestrine e delle nostre indecisioni a posarci su uno o sull’altro fiore.

Ricorderemo lo sfottò che facevamo al carissimo Nicola Gagliano che si dimostrava il più timido del gruppo ma che fu il primo e il più lesto a fidanzarsi con quella bionda che sembrava inavvicinabile e che diventò poi sua moglie. Poiché Nicola ti ha preceduto in questo triste percorso, sicuramente avrete modo di ricordare episodi belli e meno belli del passato.

Andrai a trovare anche Mommo Scianna, Vincenzo Monforte e Giovanni Pintacuda che ci hanno lasciato anzitempo, per parlare solo del gruppo di noi maschi, quasi tutti coetanei e che ci diplomammo nello stesso periodo. 

Carissimo Pietro, il nostro gruppo va sempre più assottigliandosi. Siamo rimasti solo io e Ignazio La Corte dell’iniziale quintetto che inizio a muovere i primi passi a casa di Nicola dove cercavano di prepararci alla prova scritta del concorso magistrale. Ci chiedevano su quale argomento potesse vertere il tema e alla fine tutti eravamo d’accordo che il punto fondamentale era lo studio del Programmi didattici del 1955 del ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe Ermini. Era, comunque, raccomandabile portare agli esami…numerosi temi svolti, racchiusi nella famosa cartucciera!  

Io e Ignazio, come capirai, non faremo a gara per raggiungerti, anzi ognuno di noi vorrà essere sicuramente essere l’ultimo.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.