f Bagheria. Il sindaco ai dipendenti comunali: "stiamo uscendo dal dissesto" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il sindaco ai dipendenti comunali: “stiamo uscendo dal dissesto”

giovedì 21 dicembre 2017, 14:53   Attualità  

Letture: 19.179

Il sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque, ha voluto incontrare oggi tutti i dipendenti comunali di Bagheria per uno scambio di auguri presso villa Cattolica, sede del museo Guttuso. “Più o meno tutti avete imparato a conoscermi e a conoscerci, conoscete pregi e difetti nostri” in un clima disteso e di festa, il sindaco Cinque ha così esordito ricordando ai dipendenti gli anni difficili del dissesto, dal quale si sta sta uscendo pian piano. 
“Il Comune ce la sta facendo, il prossimo anno potremo programmare e dare gli obiettivi a tutte le direzioni, noi facciamo la nostra parte ma senza il vostro contributo legato al senso del dovere e di responsabilità nei confronti dell’Ente non ce la faremmo“. 
Il sindaco ha poi accennato alla recente progressione orizzontale per diversi dipendenti e per le prossime previste nonché alla proroga per i precari, i dipendenti contrattisti. 
Ha anche riferito  che il prossimo anno si vuole lavorare non solo sui servizi ai cittadini ma anche sulle performance e sulla formazione e qualificazione del personale.
Cinque ha ringraziato il segretario generale, Eugenio Alessi,  i responsabili apicali e tutti i dipendenti cui ha chiesto  di portare i proprio auguri alle rispettive famiglie. 
Presente al consueto scambio di auguri quasi tutta la Giunta ed il presidente del Consiglio  comunale  Marco Maggiore.
Il momento conviviale si è concluso con la il tradizionale brindisi, e pandoro e panettone. 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.