f Bagheria. Inchiesta sul gioco d'azzardo. Intervista ad un rivenditore | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Inchiesta sul gioco d’azzardo. Intervista ad un rivenditore

mercoledì 6 dicembre 2017, 13:26   Attualità  

Letture: 17.892

di Martino Grasso

Per la seconda puntata dell’inchiesta sul gioco d’azzardo a Bagheria, abbiamo intervistato un “addetto ai lavori” ossia un rivenditore di “gratta e vinci”. Per ovvie ragioni abbiamo deciso di garantirne l’anonimato.Quello che viene fuori è un mondo variegato. Un po’tutti hanno giocato almeno una volta un biglietto del gratta e vinci.
C’è però chi lo fa sistematicamente e in quel caso il gioco diventa una patologia molto rischiosa.
Ma chi è il giocatore medio a Bagheria?
“Il giocatore medio è difficile da identificare. Molti hanno acquistato almeno un biglietto in vita sua. Ci sono però i giocatori incalliti.”
Chi gioca?
“A Bagheria sono molti gli anziani che ogni giorno sfidano la sorte attingendo dalle loro pensioni. Per questo motivo le giocate aumentano soprattutto all’inizio del mese, quando gli anziani hanno percepito da poco le pensioni.
Ne primi giorni di ogni mese i luoghi di gioco come tabaccherie e bar autorizzati alla vendita diventato affollatissimi.”
Quali sono le fasce sociali che giocano?
“Un po’ tutte le fasce sociali. Giocano di più le fasce più povere come appunto i pensionati. Ci sono anche persone giovani che godono di piccole pensioni che giocano spesso, a volte mandando in fumo, l’intera pensione che percepiscono”.
Ci racconta qualche caso particolare di giocatore incallito?
“I giocatori incalliti non giocano solo in una rivendita, ma spesso frequentano più tabaccherie o bar, nella speranza di acquistare il biglietto giusto. Ci sono stati in passato almeno 2 persone che vedevo spesso. C’era un uomo di mezza età entrava almeno 10 volte al giorno. Poi non venne più. Venni a sapere che la moglie gli intimò un ultimatum: “o me o il gioco” e così non l’ho visto più. Inoltre un’anziana veniva ripetutamente. Ricordo che dopo una vincita di 500 euro la sua presenza era aumentata. Un giorno mi disse che sarebbe andata altrove perché qui da me aveva già vinto. Non so che fine abbia fatto”. 
Poi c’è il gioco del “10 e lotto” che consiste in una lotteria istantanea con estrazioni ogni 5 minuti per 24 ore di seguito.
“Si. Questo gioco è aumentato incredibilmente. Ogni giorno vengono tante persone che giocano 3 numeri e stazionano, aspettando di vincere. Dopo ogni estrazione andata a male le imprecazioni si sprecano”.

  

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.