f Bagheria. Successo per la manifestazione "Sfincione Fest" a villa Butera | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Successo per la manifestazione “Sfincione Fest” a villa Butera

lunedì 18 dicembre 2017, 09:35   Cultura  

Letture: 15.309

di Pino Grasso

Farina doppio zero, farina rimacinato, mollica, olio d’oliva, cipolla, acciughe, pomodoro e formaggio tuma.
Sono gli ingredienti di sua maestà lo sfincione bagherese che ieri è stato l’indiscusso protagonista nell’atrio del settecentesco palazzo Butera dove è stata allestita la manifestazione “Sfincione fest” con una ventina tra panificatori e pizzaioli che hanno preparato il gustoso e prelibato alimento non solo natalizio. Centinaia le persone che hanno preso parte alla manifestazione.
L’iniziativa è stata organizzata dall’Associazione “La Piana d’Oro” e dalla Pro Loco di Bagheria “Città delle Ville” in collaborazione con la confraternita del Patriarca “San Giuseppe”, con il patrocinio del Comune di Bagheria e del GAL Metropoli Est. “L’evento – dichiara il presidente dell’associazione “La Piana d’Oro” Michele Balistreri – si pone come un progetto di marketing territoriale di valorizzazione dello sfincione bagherese, pensato per coinvolgere direttamente i produttori e gli operatori che rientra in un disegno programmatico ancora più ampio che è quello di avviare un percorso di riconoscimento del marchio d’identità e di tracciabilità. Lo scopo dell’evento costituisce una parte della strategia che ha come scopo il rafforzamento della vocazione turistica del territorio, ponendo come ambito produttivo l’agro-alimentare e l’eno – gastronomia.”
L’attenzione è stata rivolta alla sensibilizzazione sui temi legati ad una alimentazione sana e salutare, che passa dall’utilizzo nei processi di lavorazione della panificazione, delle farine derivanti dai grani antichi siciliani. Promozioneranno i loro prodotti, aziende che appartengono alla filiera gastronomica dello sfincione: produttori di farine, di olio, di trasformazione dei prodotti ittici e  caseifici. Lo sfincione anche se nasce come un cibo per le feste, è un piatto povero e simbolo della cultura del “cibo da strada” di Palermo e dei comuni immediatamente a oriente del capoluogo siciliano (Ficarazzi, Bagheria, Santa Flavia, Casteldaccia). Una sua variante è quella preparata a Bagheria, secondo una ricetta alternativa che non prevede l’uso della salsa di pomodoro, sostituita da tuma (o ricotta) per lo sfincione bianco. In base a ricerche storiche lo sfincione fu probabilmente inventato dalle suore del monastero di San Vito, ma è a Bagheria però che grazie al particolare condimento che lo caratterizza, ha acquisito una spiccata individualità che lo contraddistingue.
“Un distinguo che gli meriterebbe il riconoscimento di tracciabilità – aggiunge Balistreri – che ne protegga e tuteli metodi di preparazione e di lavorazione e la qualità dei prodotti utilizzati, legati al territorio. Lo sfincione è stato eletto, comunque, dalla comunità culinaria bagherese come piatto di  rappresentanza”. In effetti lo sfincione bagherese viene distribuito in tutto il mondo in quanto gli emigranti continuano a richiederlo a tutti i fornai di Bagheria per un indotto che crea ricchezza tutto l’anno. La sostanziale superiorità dello sfincione bagherese è di fatto riconosciuta anche dai “palermitani” ed è  comunque è opinione acclarata che lo sfincione, quello originale, nasce  a Bagheria.
Nel corso della giornata è stato dato ampio spazio anche alla cultura, all’animazione, all’intrattenimento e agli spettacoli con la partecipazione del gruppo folk “Sicilia Bedda”, i Tamburinari della scuola “Ciro Scianna e  lo zampognaro.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.