f Non importa se… tutto passa? | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Non importa se…
tutto passa?

martedì 10 aprile 2018, 11:09   L'Opinione  

Letture: 7.182

di Nicolò Benfante

E’ appena trascorso il periodo della Pasqua e come ogni tradizione che si rispetti, vista la bella giornata in parte ventosa, la stragrande moltitudine delle persone ha trascorso la prima gita fuori porta; le case di campagna sono state riaperte per dare vita ed inizio alla prima scampagnata tra amici e trascorrere in armonia una giornata all’insegna della spensieratezza, dimentichi per un giorno delle vicissitudini che quotidianamente ci assorbono.

Questo breve preambolo per poter ancora una volta, purtroppo, rilevare, che pur trascorrendo la festività dell’Angelo tra amici, parenti e conoscenti, nessuno ha dimenticato l’incuria del proprio paese, le pseudo-panchine divelte del Corso principale, le condizioni igieniche dei marciapiedi, vere e proprie discariche di escrementi, delle strade impercorribili per le buche-gallerie,  oltre ai volantini che proprio per la festività pasquale, quasi con grazia, aleggiavano festeggiando allegramente l’incipit della primavera.

Certamente, non escludo che l’attuale Amministrazione si sia impegnata a “fondo” per il decoro di questa città; abbia inculcato il senso del dovere in “Noi tutti” ed in parte abbia ripreso, secondo le norme del buon padre di famiglia,  coloro che negligentemente continuavano/continuano, per cultura di ceto, a non osservare gli orari “ballerini” della fantomatica differenziata; non a caso esistono vere e proprie squadre di volontari che girovagano per la città allo scopo di sensibilizzare, attraverso “multe salate” l’operato di coloro i quali si ostinano a gettare fuori orario i propri rifiuti urbani..

Con l’intervento di questa nuova amministrazione, nulla si distrugge ma tutto si  trasforma; il decoro urbano ha ripreso il suo vero splendore, il verde pubblico del corso principale, riflette le ingiustizie di una radicale potatura,   e gli alberi veri e propri punti di raccolta di sacchetti di rifiuti ammassati, per la fotosintesi clorofilliana immettono nell’ambiente i gas dei rifiuti che aspirano durante la notte, per cui in quel di Bagheria, oltre ad una in-differenziata capillare, respiriamo un’aria salubre.

Diversamente se vogliamo vivere al di fuori del solito tran-tran quotidiano una vita serena ed intensa e respirare un’aria ancora più salutare, a pochi chilometri dal centro abitato, nella nostra favolosa costa “abusiva” possiamo godere della talassoterapia; una disciplina che aiuta il nostro organismo; infatti chi vuole soggiornare vicino al mare può concedersi lunghe passeggiate a piedi nudi nella spiaggia di Aspra e godere di numerosi benefici per le vie respiratorie; anzi grazie al fatto che siamo vicini al depuratore, la quantità di agenti irritanti e potenzialmente dannosi che vengono introdotti nelle vie aeree è molto minore; l’aria di mare fa bene perché è ricca di iodio.

Che dire viviamo in un’oasi di bellezze naturali a misura d’uomo.

Tutto sommato, riconosciamo al nostro primo cittadino di aver reso pulita la nostra città; a che prezzo non importa, d’altronde la nitida immagine del paese riflette lo specchio dell’animo di chi l’amministra.

Ci si lamenta che non si approvano i bilanci !

A che servono ?

Dal momento che una sana e competente amministrazione con l’ausilio di “validi” funzionari ed amministratori, riescono a programmare, amministrare, impegnare, investire, spendere senza alcun bilancio.

Non importa se si continuano a produrre debiti fuori bilancio, non importa se non si pagano i fornitori, non importa se mancano 5 bilanci da approvare, non importa se si continuano a pagare interessi alla tesoreria per il continuo ricorso all’anticipazione di cassa, non importa se non si riesce a riscuotere i crediti vantati, non importa se l’analisi dei conti di bilancio appare differente dalla realtà, non importa se non si garantiscono i servizi indispensabili, non importa se non si programmano investimenti dal momento che non si approva il piano triennale delle opere pubbliche, non importa se non esiste un piano regolatore, non importa se vigono delle regole sull’abusivismo per gli “Altri”, non importa se non esiste una costa balneabile, non importa se non abbiamo un mercato ortofrutticolo adeguato, non importa se non abbiamo un mercato del pesce adeguato, non importa se abbiamo i semafori che non funzionano, non importa se la pista ciclabile funge da parcheggio auto, non importa se … alla fine si dimentica e tutto passa ?.

Spero tanto che quest’amministrazione “Radical Kitsch” possa continuare anche per il prosieguo amministrativo a perpetrare intensamente il progetto intrapreso e portare a termine quanto di sublime iniziato, d’altronde “i guai ra pignata i sapi u cucchiaru ca l’arrimina”; mi si conceda questa licenza alchemica in seno alla trasformazione dei conti di bilancio.

E’ una meraviglia, stiamo tutti bene !

A proposito alla data del 31/Marzo 2018 è spirato per gli altri comuni il termine per l’approvazione del bilancio di previsione 2018.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.