f Bagheria. Bene confiscato, occupato abusivamente. Il sindaco vieta intervista alle Iene | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Bene confiscato, occupato abusivamente. Il sindaco vieta intervista alle Iene

giovedì 10 maggio 2018, 11:49   Cronaca  

Letture: 14.409

Un bene confiscato alla mafia che sorge a Mongerbino è da circa un anno risulta occupato abusivamente.
Il sindaco Patrizio Cinque sottolinea di avere avvisato dell’argomento la Prefettura e le forze dell’ordine per un intervento mirato allo sgombero.Dell’argomento se ne starebbe occupando anche il programma delle Iene che ieri è arrivato a Bagheria per un’intervista al sindaco patrizio Cinque. 
Ma il sindaco ha rifiutato l’intervista rendendolo pubblico sulla sua pagina Facebook.
“Mi sono mosso di concerto con la Prefettura e le Forze Dell’Ordine per un intervento mirato allo sgombero. Tenendo presente che all’interno dell’immobile sono presenti anche dei minorenni. La volontà chiara, di tutte le pubbliche istituzioni coinvolte nella vicenda, è quella di liberare l’immobile e poterlo riconsegnare, una volta riqualificato, alla collettività. Tutto è assolutamente documentabile e riscontrabile.”
In riferimento alle Iene il primo cittadino dice: “ho fatto pervenire il seguente messaggio, dopo un primo tentativo di “approccio” da parte loro: “Il sindaco di Bagheria non parla con dipendenti di Silvio Berlusconi, anche indiretti, poiché secondo una recente sentenza e attraverso le parole del PM Di Matteo è emerso che “è stato stipulato un patto con Cosa nostra, intermediato da Marcello dell’Utri, che è stato mantenuto dal 1974 fino al 1992 dall’allora imprenditore Silvio Berlusconi”.
Pertanto non ritengo conducente trattare l’argomento mafia con dipendenti di Berlusconi per rispetto dei morti uccisi dalla mafia e per rispetto di chi ha lottato contro la mafia, giornalisti inclusi.”
Sull’argomento interviene Daniele Vella del Pd.
“Il modo migliore per rispettare le vittime di mafia -dice- è rispettare la legge sul riuso dei beni confiscati ed il regolamento sul loro affidamento e non cercare scuse, peraltro ridicole, per sottrarsi alle più che legittime richieste di spiegazione degli organi di informazione”.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.