f Bagheria. Manifestazione per ricordare il 23 maggio alla scuola Cirrincione | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Manifestazione per ricordare il 23 maggio alla scuola Cirrincione

martedì 22 maggio 2018, 15:56   Attualità  

Letture: 6.930

Anche la scuola Cirrincione ricorderà domani la strage di Capaci.
Alunne e alunni della scuola ricorderanno nel cortile della scuola alle ore 9.00 con canti, poesie, monologhi, danze, letture di brani di libri, coreografie, le stragi di Capaci e via D’Amelio che nel 1992 costarono la vita a Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. In contemporanea, una trentina di bambine e bambine delle classi quinte F/E si recheranno a Palermo per unirsi ai giovani provenienti da tutta Italia per dire il loro “no” alle mafie e alla criminalità organizzata.
La manifestazione si inserisce in un progetto di legalità portato avanti dalla nostra scuola.
“E’ stato programmato un percorso educativo-didattico -sottolineano gli organizzatori- che ha permesso di affrontare con gli alunni il tema della legalità e della lotta alla mafia.
Gli alunni hanno riflettuto intorno e sulle vite degli ”Angeli custodi”, sul coraggio di donne e uomini della Polizia di Stato impegnati nei servizi di scorta, che difendono la vita degli altri mettendo a rischio la propria e per ricordare quanti hanno sacrificato la loro esistenza nell’adempimento del proprio dovere per difendere la giustizia, la legalità e la democrazia nel nostro Paese.
Attraverso le attività di educazione alla legalità si mantiene viva la memoria, affinché quel sangue, quell’impegno, quel sacrificio di donne e uomini come noi, dediti al proprio lavoro con passione e con spirito di servizio per il bene comune del Paese, non sia stato vano. Inoltre il ricordo di quei servitori dello Stato ha fatto riflettere sulle responsabilità, sui diritti e sui doveri che derivano da una cittadinanza attiva e consapevole e rafforzato la convinzione che la legalità e la democrazia sono valori irrinunciabili che devono essere costantemente coltivati.
Piccoli gesti quotidiani e i semplici atti di una vita vissuta nella legalità e nel rispetto sono fondamentali per costruire società giuste e libere.
Infatti per realizzare il sogno di democrazia per il quale sono morte quelle persone occorre, oltre il grande impegno delle forze di polizie e di molti magistrati, costruire , divenire, essere una comunità solidale e corresponsabile.
“ Noi siamo la memoria che abbiamo e la responsabilità che ci assumiamo. Senza la memoria non esistiamo. Senza responsabilità forse non meritiamo di esistere”.  Josè Saramago

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.