f Bagheria. Il sindaco: "stiamo partecipando a bandi per avere finanziamenti per la collettività" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il sindaco: “stiamo partecipando a bandi per avere finanziamenti per la collettività”

martedì 19 giugno 2018, 09:22   Attualità  

Letture: 16.308

Non è assolutamente vero che a causa dell’assenza del Paes non si possa partecipare ad ulteriori bandi, stiamo lavorando per avere anche noi il Paes ma stiamo lavorando soprattutto per aggredire diverse fonti di finanziamento”
Il sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque, con una nota vuole fare chiarezza e trasparenza su quanto detto nei giorni scorsi, attraverso comunicati stampa (il riferimento è al segretario del Pd Orazio Amenta), relativamente a presunti fondi perduti per la mancata approvazione, allo stato attuale, del Paes il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile.​Sottolinea inoltre che sono stati redatti dei progetti per ottenere dei finanziamenti che serviranno per alcune opere fondamentali alla collettività. 
Il primo cittadino sottolinea inoltre che è stata imboccata la strada giusta per risolvere un problema comune alla stragrande maggioranza degli Enti locali.
“Riteniamo che il Comune debba progettare attraverso la AMB e partecipare il più possibile a tutti i bandi che si presentano. Nel territorio, in tutto il comprensorio, ci sono moltissimi tecnici, esperti e professionisti che hanno pieno titolo per poter progettare anche per gli Enti locali ma devono avere il diritto di farlo con un contratto in mano, devono poter vantare un credito valido. Non è infatti positivo che ci siano tecnici che abbiano aiutato, in passato, l’Ente e che poi si ritrovino senza alcun credito di escussione delle competenze tecniche. 
In merito al settore energia è falso che abbiamo perso 20 milioni di euro. Vorrei che mi si dettagliassero tutte le cifre che sono state gridate ai quattro venti. Avremo 11 milioni di euro per Agenda Urbana; a fine mese infatti costituiremo insieme al Comune di Palermo l’autorità urbana che ci permetterà di gestire 11 milioni di euro, 5 dei quali dedicati a retrofit energetico cui si aggiunge la mobilità sostenibile. Inoltre stiamo presentando un progetto, a breve scadenza, per il retrofit energetico della pubblica illuminazione. A questo si aggiunge un altro progetto per l’edilizia scolastica, in particolare rivolto all’adeguamento sismico e il miglioramento degli ambienti della scuola Wojtyla, e ancora parteciperemo ad un bando a sportello del PON Legalità per un bene confiscato alla mafia. Stiamo facendo il massimo, per un comune come il nostro, nell’ambito della programmazione e senza tecnici esterni a pagamento. Preferiamo lavorare che fare parate e gridare ai quattro venti e i finanziamenti finora ottenuti lo testimoniano”.

Sulla mancata approvazione del Paes interviene anche l’assessore alla Programmazione, Alessandro Tomasello secondo cui  “l’avviso di assegnazione delle risorse finanziarie per la redazione del PAES ai comuni siciliani prevedeva espressamente l’approvazione entro il 30 settembre 2014, poi prorogato ai primi di gennaio 2015. Gli articoli 5, 7 e 8 del documento che rendiamo disponibile sul sito web comunale, evidenziano l’impossibilità da parte del comune di Bagheria, stante la sua condizione di dissesto finanziario in fase  iniziale ed in presenza di una neo amministrazione  insediatasi il 17 giugno 2014 di potere intervenire”.
Tomasello continua sostenendo che: “per la redazione di un PAES per un comune come Bagheria ci vogliono non meno di 6 mesi di lavoro. Non è un comune di 3 mila abitanti che dispone di sole 6 auto, 3 edifici pubblici e 5 scuole e per il quale è possibile redigere bozze di PAES scopiazzando progetti da altri comuni omogenei per tipologia e dimensione. Siamo una realtà molto vasta  e popolosa quindi il nostro PAES richiede certamente uno studio approfondito. E  come se non bastasse, inizialmente al 30 settembre 2014 era richiesto che il consiglio comunale approvasse proprio il PAES, per cui a quella data, il documento doveva essere già redatto e pronto. Nonostante la precedente amministrazione avesse approvato l’adesione al patto dei sindaci in consiglio comunale stranamente nessuno si era più preoccupato di effettuare la procedura per la successiva iscrizione e pertanto siamo  stati costretti, visto il tempo inutilmente trascorso, a riproporre in consiglio l’adesione al patto dei sindaci e successivamente procedere all’iscrizione vera e propria.”
Tomasello aggiunge che “il dissesto del comune di Bagheria del maggio 2014 rendeva assolutamente impossibile potere anticipare qualsiasi somma per  un incarico esterno per la redazione del PAES e abbiamo scelto subito di investire i fondi di bilancio sulle politiche sociali per aiutare le famiglie, riaprire gli asili nido, asfaltare le strade” 
Tecnicamente si rileva infatti che il dissesto  impone una serie di procedure che blindano la finanza locale alla copertura delle sole somme obbligatorie per legge, ed espresse in dodicesimi, rispetto all’ultimo bilancio approvato. 

Il sindaco Patrizio Cinque aggiunge che “sarebbe paradossale che i responsabili del dissesto ci accusassero di non aver dotato il Comune del Paes. Noi stiamo già lavorando per avere il Paes e progetti di retrofit energetici, ma stiamo soprattutto operando per risolvere i problemi che abbiamo ereditato proprio relativamente a questo settore, la pubblica illuminazione che è un problema endemico a Bagheria. Voglio ricordare che abbiamo ereditato un Comune in dissesto e che questa amministrazione non ha potuto conferire, a iosa come in passato,  incarichi  a titolo oneroso, per la programmazione e progettazione. Anzi questa amministrazione è andata in controtendenza”.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.