f Bagheria. Il Tribunale respinge l'appello su presunte violenze di una coppia | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il Tribunale respinge l’appello su presunte violenze di una coppia

giovedì 13 settembre 2018, 17:06   Cronaca  

Letture: 16.596

Il Tribunale del riesame di Palermo, respinge l’appello del Pubblico Ministero di Termini Imerese in merito ai presunti abusi subiti da una minorenne, da parte dei genitori, accusati anche di maltrattamenti e stalking.La vicenda risale al mese di Giugno, quando i due, accusati dalla figlia, finirono in galera. 
Il Tribunale  ha confermato la permanenza in libertà degli stessi. Il Pm di Termini Imerese aveva impugnato la decisione di scarcerazione presa nel Giugno scorso dal GUP di Termini Imerese, Stefania Gallì che aveva rimesso immediatamente in libertà gli indagati. L’avvocato Giuseppe Marcello Mancuso (nella foto) che assiste la coppia, ha sostenuto che era infondato l’appello proposto dal PM di Termini Imerese che ne chiedeva nuovamente la custodia cautelare in carcere. 
Va comunque sottolineato che i due restano indagati, anche se la loro posizione appare molto meno grave rispetto a quando la vicenda venne resa pubblica.
Il Tribunale del Riesame ha respinto la richiesta del PM affermando che il racconto reso dalla giovane “appare in alcuni punti contraddittorio e in altri inverosimile.”  Secondo il Tribunale il racconto della ragazza in merito alle violenze subite dal padre è stato smentito da un medico chiamato ad esprimere una consulenza.
“A ben vedere -aggiunge il Tribunale-, dunque l’analisi complessiva delle dichiarazioni della vittima non consentono allo stato di superare il vaglio di attendibilità oggettiva del racconto e di credibilità soggettiva della persona offesa, sulla quale pendono diversi dubbi allo stato insuperabili”.
“Anche il Tribunale della Libertà -afferma il legale della coppia  indagata- in maniera molto attenta e garantista, ancora una volta ha ribadito ciò che abbiamo sostenuto sin dall’inizio di questa spiacevole e logorante vicenda, affermando con chiarezza che il racconto della presunta persona offesa appare gravemente contraddittorio e inverosimile sotto molteplici aspetti, riscattando nuovamente seppure in maniera non definitiva l’immagine e la reputazione dei miei assistiti, i quali ancora subiscono ingiustamente l’onta delle gravissime accuse loro rivolte con rilevanti conseguenze sotto il profilo psico-fisico e sociale per entrambi”.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.