f Bagheria. Inaugurata la stele "Mani-tu" realizzata dagli utenti del centro di salute mentale | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Inaugurata la stele “Mani-tu” realizzata dagli utenti del centro di salute mentale

venerdì 28 Dicembre 2018, 16:13   Attualità  

Letture: 5.977

Arte e cura. E’ il binomio che accomuna l’installazione “Mani-tu” inaugurata ieri e realizzata dagli ospiti del centro diurno modulo 5 del dipartimento di salute mentale.L’opera è un blocco di cemento ricoperto da 49 formelle in ceramica realizzate dagli utenti del centro diurno, che rappresentano le impronte delle loro mani.
All’inaugurazione erano presenti il sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque, l’assessore alle politiche sociali Maria Puleo, gli assessori Alessandro Tomasello, Fabio Atanasio e Gaetano Baiamonte, oltre al direttore del dipartimento di salute mentale dell’Asp di Palermo, Giorgio Serio e Alberto Stimolo direttore del centro diurno del modulo 6 di salute mentale di Bagheria.
Erano presenti anche gran parte degli utenti che hanno realizzato l’opera artistica.
L’iniziativa, il cui progetto ha avuto inizio circa due anni fa, è stata sposata dall’amministrazione che ha patrocinato l’evento ed ha collaborato con i tecnici comunali alla realizzazione.
“Mani tu” è un’opera dal forte valore simbolico, sono 49 mani impresse nella ceramica, un’impronta per dire: “io ci sono” –ha detto il sindaco Patrizio Cinque- E’ un’iniziativa che lascia un segno nella città, un segno di amicizia dei ragazzi del centro diurno, è un messaggio legato al simbolo delle mani, che possono simboleggiare una carezza, una stretta di mano, un saluto, sono le tante impronte dei ragazzi che ringrazio e ringrazio l’equipe che ha realizzato l’iniziativa”.
Il primo cittadino è poi tornato sul bene confiscato messo a disposizione dell’Asp che costituirà un vero polo di servizi nell’ambito sanitario.
“La trasformazione artistica è da sempre il sistema che l’uomo possiede per riuscire a comunicare quello che spesso è incomunicabile»  – sottolinea il dirigente dell’Asp Giorgio Serio  -«In  questo caso va anche di più perché è una donazione all’esterno,  è la presenza di persone che sono cittadini, con pari diritto di cittadinanza e che vogliono comunicare qualcosa anche agli altri, non restare dentro le mura degli ambulatori ma uscendo fuori come persone e cittadini”.
Ne corso della manifestazione sono stati ringraziati l’assessore Maria Puleo, gli utenti del centro diurno, i dirigenti Asp, i tecnici comunali  Onofrio LisuzzoLidia Cuffaro e Antonino Zarcone, la ditta Scianna  ed i referenti della Casa del Volontariato  che hanno voluto esserci in questo importante momento di solidarietà offrendo agli utenti del centro un rinfresco e dei regali natalizi.  
«Ha un valore sociale, umano e simbolico questo progetto e noi, che fin dall’inizio abbiamo ritenuto che dovevamo rinforzare i legami di comunità, abbiamo scelto di patrocinare e collaborare a questa iniziativa che è il frutto di questo sentimento. Sono anche questi percorsi di cittadinanza attiva, tutta la cittadinanza, nessuno deve rimanere indietro a maggior ragione dove c’è la sofferenzaAbbiamo pensato come centro diurno di creare un’opera pubblica disponibile per la cittadinanza  -dice il dottor Stimolo  direttore del centro diurno- per noi aveva molto senso un progetto in cui dei cittadini pur provenendo da un percorso di sofferenze personali e  psichiche  dimostrino di aver capacità artistiche, persone che dialogano e si integrano nel contesto sociale pienamente con diritto di cittadinanza superando l’esclusione che spesso ognuno di noi fa propria, atteggiamento che va combattuto.”

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.