f z-Box 2 | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Tutti gli articoli della categoria z-Box 2

 

Bagheria. La dottoressa Vincenza Guttuso ha vinto
il ricorso contro il Comune

giovedì 18 gennaio 2018, 21:29  

La dottoressa Vincenza Guttusa, già dirigente del Comune di Bagheria, nella controversia di lavoro contro il Comune di Bagheria e l’Opera Pia Istituto Santa Lucia ha vinto la causa d’appello contro il Comune.

 

Bagheria. Dopo una settimana sono tornati a
scuola i bambini del Gramsci

lunedì 15 gennaio 2018, 08:06  

di Pino Grasso

I bambini della scuola “Antonio Gramsci” dopo il crollo di parte del controsoffitto in cartone di alcune au­le di via Ugo La Mal­fa, sono tornati a scuola, dopo una settimana di vacanze supplementari.
I bambini però non andranno nelle aule dove si è verificato il crollo perché i locali non sono stati dichiarati idonei. “Fino a quando sarò il dirigente scolastico di questo istituto -dichiara Maria Grazia Pipitone- i bambini non andranno più in quelle aule dove nel giro di un anno i crolli sono stati due. Ne va della sicurezza dei piccoli e di tutti gli altri operatori scolastici, docenti e personale Ata”.
La soluzione adottata dalla dirigente prevede che il primo piano del plesso di via La Malfa dove si è verificato il crollo resterà chiuso, mentre i bambini che occupavano le due classi della scuola primaria, la I/A e la II/A saranno trasferiti al piano terra. Di conseguenza, due classi della scuola materna saranno trasferite al plesso “Antonio Gagini”.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

 

Bagheria. Giro di usura scoperto dai carabinieri.
In manette madre e figlia

venerdì 24 novembre 2017, 12:50  

Due donne, madre e figlia, avevano messo in piedi una florida attività di usura ed esercizio abusivo dell’attività finanziaria a Bagheria. Ma per loro è finita male.
Nelle prime ore di questa mattina, i carabinieri della compagnia di Termini Imerese hanno dato esecuzione alle ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal GIP del Tribunale di Termini Imerese, nei confronti delle due donne.
Gli arresti sono scaturita sulla base delle risultanze investigative acquisite dai militari del nucleo operativo e radiomobile.
Le due donne D.S.A. la mamma e M.V. la figlia, di 69 e 43 anni, secondo l’accusa, sono ritenute responsabili dei reati continuati di usura ed esercizio abusivo dell’attività finanziaria.

 

Bagheria. L’assessore al bilancio Maggiore: “la Tari
è calcolata correttamente”

mercoledì 15 novembre 2017, 22:32  

La Tari a Bagheria è stata calcolata correttamente.
A sostenerlo è l’assessore comunale al bilancio Maria Laura Maggiore.
L’assessore n una nota sottolinea che per la determinazione delle categorie e tariffe dell’imposta il Comune si è attenuto al decreto legge 147/2013 e vari articoli.
In merito alle pertinenze (garage, cantina, box, ecc) l’assessore Maggiore precisa ancora che la tari si applica anche alle pertinenze così come prevede anche una sentenza della Cassazione civile (Sezione tributaria).
Il Comune di Bagheria non applica dunque la quota variabile. L’assessore aggiunge che è semplicissimo per il contribuente verificare che la tassa è stata correttamente misurata.

 

Bagheria. Annullate 4 custodie cautelari nel blitz antidroga del 12 ottobre

venerdì 3 novembre 2017, 09:09  

Il Tribunale del Riesame scarcera tre dei tredici arrestati del blitz antidroga del 12 ottobre scorso. Si tratta di Pasquale Testa, Giacinto Tutino e Giuseppe Giallombardo. In realtà l’annullamento riguarda anche Nicolò Testa che, però, è in carcere nell’ambito di un’altra inchiesta che lo piazza alla guida della cosca di Bagheria.

 

Il sindaco: “complimenti
ai carabinieri. Chi denuncia non pagherà la Tari”

lunedì 30 ottobre 2017, 16:02  

“Visto che alcuni capi di imputazione della nuova operazione messa in campo dagli inquirenti riguardano l’attività di estorsione, vogliamo rilanciare con un forte messaggio: Chi denuncia non pagherà la Tari“.
A sostenerlo è il sindaco Patrizio Cinque a commento dell’operazione che ha portato all’arresto di 16 persone nell’ambito dell’operazione “Nuova Alba”.
“L’operazione dei carabinieri contro esponenti del mandamento mafioso di Bagheria -continua il sindaco- rappresenta una prova dell’ottimo lavoro svolto oggi dalle Forze dell’Ordine sul nostro territorio.
Le accuse che hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere vanno dall’associazione mafiosa all’estorsione aggravata dal metodo mafioso. Tra le persone portate in cella c’è anche il boss Pino Scaduto che, come emerge dalle indagini, aveva ordinato al figlio di uccidere la sorella perché aveva una relazione con il maresciallo dei carabinieri.

 

Bagheria. Pino Scaduto voleva uccidere la figlia per la relazione con un carabiniere

lunedì 30 ottobre 2017, 09:37  

Dall’operazione “Alba nuova” scattata questa mattina, emerge un particolare agghiacciante.
La figlia di Pino Scaduto avrebbe messo in crisi l’intero clan, perchè aveva intrapreso una relazione con un maresciallo dei carabinieri. 

 

Casteldaccia. Riaperta la mensa dei poveri. Garantisce ogni giorno 50 pasti

mercoledì 18 ottobre 2017, 13:31  

Ha riaperto i battenti dopo la pausa estiva la mensa della solidarietà a Casteldaccia.
Si tratta di un presidio di volontari che, donando generi alimentari di prima qualità, cucinandoli e servendoli a tavola, continua a garantire da nove anni la sopravvivenza e il conforto fisico e morale a 50 anziani poveri, fra gli ospiti del Centro Padre Nostro di Brancaccio a Palermo e quelli segnalati dagli assistenti sociali dei Comuni di Bagheria e Casteldaccia.

 

Estumulazioni al cimitero.
Il sindaco: “perchè prima non avvenivano?”

mercoledì 18 ottobre 2017, 08:37  

Estumulazioni straordinarie, al cimitero comunale, per fare fronte alla carenza di loculi.
L’amministrazione comunale ne ha disposte 100.
In accordo con l’azienda sanitaria locale di Bagheria si sta procedendo alle estumulazioni grazie anche alla presenza di un medico legale dell’ASP che presiede ai lavori.
In previsione c’è la realizzazione di un totale di 270 loculi e 360 cellette ossari, (120 del lotto B saranno i primi ad essere realizzati) che hanno avuto già il parere positivo della soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali nonché dell’Asp.
L’amministrazione comunale nel corso di controlli e verifiche relative a procedure amministrative e funzionamento dei servizi, ha scoperto e denunciato alle autorità competenti che oltre 100 loculi del camposanto comunale non sarebbero stati estumulati negli anni passati nonostante fossero passati i tempi di legge previsti per procedere all’estumulazione, vale a dire i consueti 40 anni. 

 

La polizia arresta una
donna bagherese, con una complice, per lesioni gravi

martedì 19 settembre 2017, 13:32  

Una donna di 37 anni, residente a Bagheria, è stata arrestata dalla polizia, a Cefalù, accusata di lesioni gravissime e permanenti, insieme ad un’altra donna, ai danni di una signora anziana alla quale, in seguito all’aggressione ricevuta, è stata asportata la milza.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

 

La casteldaccese Rita Del Castillo seconda al Cous Cous Festival a San Vito

lunedì 18 settembre 2017, 16:59  

Cucinando il Cous cous al limone e nero di seppia, la chef casteldaccese Rita Del Castillo è arrivata seconda al “Bia Cous Cous” che nell’ambito del celebre “Cous Cous festival” che si  svolge ogni anno a San Vito Lo Capo.

 

Bagheria. Scientifico. Occupazione illegittima. Risarcimento o demolizione

sabato 16 settembre 2017, 09:05  

La notizia è stata resa nota con un comunicato stampa diffuso dallo studio legale Fidone, legali dei proprietari delle aree dove sorge la palestra del liceo scientifico D’Alessandro in contrada Santa Marina, costruita negli scorsi anni.
La palestra del liceo scientifico D’Alessandro di Bagheria è stata costruita in parte su un terreno di proprietà privata ed ora rischia la demolizione. La terza sezione del TAR Palermo, con sentenza n. 2128 del 5 settembre scorso, a seguito del ricorso presentato dai legittimi proprietari del terreno, si è pronunciata su un procedimento di esproprio regolarmente avviato dalla Provincia Regionale di Palermo, ma per il quale non è mai stato emanato un decreto di espropriazione. Il Tribunale Amministrativo palermitano ha dunque rilevato il verificarsi di un illecito permanente, che la pubblica amministrazione ha l’obbligo giuridico di fare cessare.
Contestualmente all’obbligo di far cessare l’occupazione illegittima del terreno è stata accolta la domanda di risarcimento dei danni procurati ai legittimi proprietari del fondo che decorre dal momento di scadenza dell’occupazione legittima.