f Calcio scommesse. Deferiti 13 società e 44 tesserati, fra cui Antonio Conte | LaVoceDiBagheria.it Skin ADV

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Calcio scommesse. Deferiti 13 società e 44 tesserati, fra cui Antonio Conte

giovedì 26 luglio 2012, 14:01   Sport  

Letture: 2.365

ROMA  – ‘Deferiti 13 società e 44 tesserati’. Raffica di deferimenti nell’ambito dell’inchiesta sulle scommesse nel calcio relativa ai filoni di indagini delle Procure della Repubblica di Cremona e Bari

Antonio Conte è stato deferito per omessa denuncia dalla procura federale della Figc. I fatti si riferiscono a quando l’attuale tecnico della Juventus era allenatore del Siena.
Deferimento per omessa denuncia anche per Simone Pepe, all’epoca dei fatti contestati calciatore dell’Udinese, e per Marco Di Vaio, all’epoca tesserato per il Bologna.  

Il difensore della Juventus Leonardo Bonucci è stato deferito dalla Procura federale della Figc per illecito sportivo riguardante il periodo in cui militava nel Bari. Stessa accusa anche per Daniele Portanova e Andrea Masiello.
Udinese, Bologna, Sampdoria, Siena e Torino sono stati deferiti dalla Procura federale alla Commissione disciplinare per responsabilità oggettiva, nell’ambito dell’inchiesta sul Calcioscommesse. Le cinque societa, attualmente in serie A, sono state deferite per fatti addebitati a loro tesserati. Sempre per responsabilità oggettiva, sono stati deferitiAlbinoLeffe, Ancona, Bari, Novara, Portogruaro e Varese, che militano in divisioni inferiori.
Per responsabilità diretta, deferite Lecce e Grosseto.
Il deferimento dell’attuale tecnico della Juventus Antonio Conte alla Commissione disciplinare riguarda l’omessa denuncia riguardante la partita Novara-Siena, del 1/o maggio 2011. Omessa denuncia anche per il vice di Conte, Angelo Alessio, il collaboratore tecnico Cristian Stellini, il preparatore dei portieri Marco Savorani e il preparatore atletico Giorgio D’Urbano. Stellini è stato deferito anche per AlbinoLeffe- Siena, del 29 maggio 2011. (ansa.it)

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.