f Palermo. Nasce una bambina, si presentano 3 presunti papà. Finisce a botte | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Palermo. Nasce una bambina, si presentano 3 presunti papà. Finisce a botte

venerdì 10 Agosto 2012, 19:25   Attualità  

Letture: 4.237

La notizia è stata riportata dal sito “livesicilia.it” a firma di Monica Panzica. Ed è di quelle notizie che inevitabilmente provocano  un sorriso, anche se i protagonisti hanno riso poco.
“Nasce una bambina e in ospedale si presentano tre presunti papà. Scatta la lite. Il portiere chiama i carabinieri. La mamma va via con uno dei tre.

Hanno rivendicato la loro presunta paternità a suon di pugni ed insulti. Per una bambina nata ieri, si sono presentati tre “papà” in ospedale: la piccola sarebbe dovuta andare a casa con i propri genitori, ma se “mater semper certa est” – è proprio il caso di dirlo – sul padre, stavolta, soltanto la confusione più assoluta. Al punto che i tre ragazzi, tutti coetanei della neo mamma, classe 1988, sono andati su tutte le furie proprio all’ingresso del reparto di Ostetricia e ginecologia dell‘ospedale Civico, dando vita ad una vera e propria lite e provocando il panico tra i pazienti e il personale ospedaliero. E così il portiere ha contattato i carabinieri che al momento del loro arrivo in ospedale hanno assistito ad urla, pugni, insulti. Momenti concitati in una delle giornate che, per la ragazza e la piccola doveva essere una delle più belle della propria vita. E’ stata proprio la 24enne a ristabilire la calma: ha dichiarato anche davanti ai militari dell’Arma chi fosse il padre della propria bambina e, quando si sono placati gli animi è andata via insieme a lui, con la piccola tra le braccia. Gli altri due “contendenti”, reduci dalla lite, sono stati identificati. A loro, di fronte alle parole della giovane – con cui in passato avevano presumibilmente avuto una storia – non è rimasto che rassegnarsi e tornare a casa”. (livesicilia.it)
(foto archivio)

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.