Samuele Caruso, l'assassino di Carmela, voleva chiedere aiuto allo zio a Bagheria

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su google
Google+
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Nel giorno dei funerali di Carmela, gli investigatori cercano di fare piena luce sulle possibilità complicità di cui avrebbe usufruito Samuele Caruso.
Le indagini sono concentrate a Bagheria, dove il giovane è stato arrestato venerdì pomeriggio, intorno alle 15,00, alla stazione centrale.
Come abbiamo detto ieri, Samuele ha uno zio paterno a Bagheria e forse avrebbe cercato di farsi aiutare proprio da lui.
L’inchiesta è coordinata dal pubblico ministero Caterina Malagoli.
Nell’interrogatorio si riferisce che il giovane non avrebbe mostrato nessuna emozione.
Il giovane, dopo l’omicidio di Caterina Petrucci e il ferimento della sorella Lucia, avrebbe raggiunto a piedi il Foro Italico in via Messina Marine, dove ha preso un autobus fino a Bagheria, dove vive lo zio paterno.
Il giovane ha aggiunto che a Bagheria voleva chiedere aiuto al parente ma non avrebbe fatto in tempo.
Ma il racconto non convince gli investigatori.
Il giovane infatti si sarebbe cambiato la maglietta sporca di sangue e curato la ferita alla mano.
Le indagini convergono adesso su Bagheria.
 
 
 

°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Agosto 5th 2020, mercoledì
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • GIO 6
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • VEN 7
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • SAB 8
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • DOM 9
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %