f Palermo. Arrestata una guardia giurata, che abita a Bagheria (foto) | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Palermo. Arrestata una guardia giurata,
che abita a Bagheria (foto)

martedì 20 Novembre 2012, 19:45   Cronaca, PhotoGallery  

Letture: 8.045

E’ di Bagheria, la guardia giurata arrestata nell’ambito dell’operazione messa a segno dalla squadra mobile di palermo questa mattina. Si tratta di Tommaso Cipolla, palermitano, ma abitante a Bagheria in via Monsignor Arena (ha avuto gli arresti domiciliari). La banda, composta da 8 persone, aveva messo a segno numerosi colpi, anche grazie ad alcune talpe. Fra questa anche una all‘Unicredit di Bagheria e una tentata rapina ad una tabaccheria, sempre di Bagheria. Il metodo utilizzato dalla banda, e ricostruito dalla squadra mobile grazie alle intercettazioni telefoniche e ambientali, è quello del buco nella parete di locali attigui a quello preso di mira.
Vive a Bagheria anche Dario Borgia di 35 anni, in via Brunelleschi.
Attraverso le intercettazioni la polizia ha seguito passo passo la preparazione a rapine in due istituti di credito dell’Agrigentino e in uno di Trapani, mentre un’altra rapina, a un tabaccaio di Bagheria, è sfumata perché i rapinatori erano indecisi su chi, tra il titolare e la fidanzata, avesse nella borsa l’incasso della giornata.

Per questo colpo, e per un altro a un’agenzia Unicredit di Bagheria, aveva passato le informazioni la guardia giurata Tommaso Cipolla, finito ai domiciliari con l’accusa di concorso esterno in associazione a delinquere. 

Una banda che è sempre arrivata a un soffio dal mettere a segno i colpi, poi finiti in un nulla di fatto, complice anche l’arrivo della polizia. Quatto gli episodi per i quali i nove finiscono agli arresti con l’accusa di associazione per delinquere e tentata rapina. Un solo colpo doveva essere messo a segno a Palermo, alla gioielleria “Les Cadeaux” di via Ferdinando Li Donni, a due passi dal teatro Massimo, ma fallì per l’arrivo della polizia.
L’inchiesta della sezione antirapina, guidata dal vicequestore aggiunto Silvia Como, ha preso il via nel 2009 ed è stata coordinata dai magistrati Maurizio Scalia e Fabio Bonaccorso. Il gip Nicola Aiello ha disposto per sei degli indagati la custodia cautelare in carcere e per tre i domiciliari.

In carcere invece è andato invece Salvatore Battaglia, ritenuto il capo dell’organizzazione. Aveva messo a disposizione il suo autolavaggio per le riunioni della banda, ma anche la sua auto per i sopralluoghi davanti agli obiettivi dell’organizzazione. Intanto le cimici dei poliziotti ascoltavano tutto. “Siamo una famiglia”, dicevano i componenti della banda. “Lo senti il profumo dell’oro?”, chiedeva un altro durante la preparazione del colpo alla gioielleria “Les Cadeaux”. Ma poi è arrivata la polizia a rovinare la festa.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.