Lo Stato ha coscienza del problema racket

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su google
Google+
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su whatsapp
Condividi su email

calìdi Gianluca Calì
A 22 anni dalla morte di Libero Grassi, molto è cambiato.
Bisogna gridarlo facendo in modo che la gente possa finalmente capirlo che le cose sono molto diverse perché lo Stato adesso ha preso coscienza del problema, mettendo in campo i migliori magistrati, uomini delle forze dell’ordine, strumenti di intelligence, ma soprattutto leggi più efficaci.
E’ di ieri il Decreto Legge del consiglio dei ministri che finalmente tutela i testimoni di giustizia e i loro familiari, tema questo mai preso seriamente in considerazione prima di oggi.
Lo Stato senza la coscienza pubblica e civile che ne prende atto concretamente con la denuncia e la collaborazione concreta non può essere considerato un fenomeno in via di estinzione, per cui spero che la gente possa finalmente aprire gli occhi e capire e far capire che ci sono infinite forse di soprusi e prevaricazioni mafiose: quando non ti pagano i lavori, servizi,  prodotti ecc…. o ti rubano la macchina e ti chiedono soldi in cambio…. o ti impongono fornitori o lavoratori, o ti chiedono un contributo per i carcerati.
Queste forme di soprusi levano ossigeno al rilancio e al riscatto della Sicilia e dei siciliani.

°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Agosto 6th 2020, giovedì
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • VEN 7
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • SAB 8
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • DOM 9
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • LUN 10
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %