f Bagheria. Imputato al processo Reset cambia versione: "non pagavo il pizzo" | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Imputato al processo Reset cambia versione: “non pagavo il pizzo”

giovedì 22 Giugno 2017, 14:58   Cronaca  

Letture: 12.390

Uno dei presunti taglieggiati ha ritrattato quello che aveva detto in un primo momento e ha negato di avere pagato il pizzo. Si tratta del titolare di un centro scommesse di Bagheria. Il processo invece è uno dei tronconi dell’operazione Reset 2 e vede imputati alcuni esponenti della famiglia mafiosa di Bagheria.
Imputati sono Gioacchino Di Bella, Carmelo Bartolone, Pietro Flamia, Rosario La Mantia, Alessandro Vega e Antonino Lepre. Il gestore del centro scommesse ha negato di avere dato dei soldi a Di Bella come pizzo, ma ha sostenuto che i due erano soci in affari e che il centro scommesse era totalmente abusivo.All’indomani degli arresti l’uomo aveva riferito ai carabinieri di dare circa mille euro al mese a Di Bella. Ma ieri ha cambiato versione dicendo che i sue era soci, anche se a gestire l’intera attività era lo stesso gestore.Il presidente della quarta sezione del Tribunale di Palermo Bruno Fasciana gli ha ricordato rischia una condanna per falsa testimonia o calunnia, ma l’uomo ha continuato nella sua nuova versione.  

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.