f Bagheria. La Provincia pagava locali a vuoto per le scuole. In 5 rischiano la condanna | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. La Provincia pagava locali a vuoto per le scuole. In 5 rischiano la condanna

venerdì 22 Settembre 2017, 11:03   Attualità  

Letture: 12.910

L’ex Provincia regionale di Palermo ha pagato per 3 anni e mezzo, gli affitti per 157 mila euro, per locali destinati a scuole, che non sono mai stati utilizzati. I locali sono quelli di via Malipiero destinati ai licei D’Alessandro e artistico.Cinque fra dirigenti e funzionari dell’ex Provincia dovranno rispondere di presunto danno erariale.
Si tratta di Carmelo Maurizio Rotolo, 67 anni, responsabile della direzione Patrimoniale e provvedimento nel 2012, Antonio Caruso, 63 anni, Giuseppe Di Grigoli, 62 anni, Giuseppe Mistretta, 64 anni, responsabile dell’ufficio Fitti e passivi e Flavia La Roca, di 60 anni.
I 5 dirigenti e funzionari sono chiamati dalla Corte dei Conti di Palermo a restituire somme che vanno da 4 mila euro a 83 mila euro.
Le indagini sarebbero scattate da un esposto inviato lo scorso anno segnalando una ipotesi di danno erariale.
I locali sono intestati alla ditta “fratelli Gargano Giuseppe e Antonio” di un immobile in via Città di Palermo e via Malipiero, entrambi destinati al liceo D’Alessandro.
Il contratto risale al 1993, il canone annuo venne fissato in 130 e 109 milioni di lire.. Il contratto venne rinnovato nel 1998 e nel 2004 e nel 2011.
Nel 2011 il liceo scientifico D’Alessandro si trasferì nella nuova struttura in via Sant’Ignazio di Loyola e i locali di via Malipiero vennero concessi al liceo artistico. Nel 2012 i locali vennero resi liberi, ma la Provincia continuò a pagare lo stesso il canone, malgrado i locali fossero inutilizzati.
Nessuno si adoperò a disdire il contratto e per questo motivo è scattata l’inchiesta ai danni dei dirigenti e funzionari.
La segnalazione alla Procura contabile contro i dipendenti venne formulata con l’accusa di “innegabile negligenza ed inerzia funzionale” per avere pagato i canoni a vuoto.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.