f Bagheria. Imbrattatto con colore nero il prospetto principale della chiesa delle Anime Sante | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Imbrattatto con colore nero il prospetto principale della chiesa delle Anime Sante

giovedì 18 gennaio 2018, 13:54   Cronaca  

Letture: 74.529

di Pino Grasso

Alzano il tiro i contestatori della parrocchia dell’Immacolata, meglio conosciuta come le “Anime sante”. Questa volta oltre le solite scritte intimidatorie rivolte al parroco don Giovanni Basile, ieri mattina alla vista dei parrocchiani si è presentata una scena offensiva e blasfema per un luogo di culto. Ignoti hanno imbrattato con una sostanza di colore nera (olio misto a gasolio), che ha deturpato la facciata della chiesa, risalente alla prima metà del XVIII secolo ed hanno anche rovesciato i grandi vasi di fiori posti all’ingresso del luogo sacro.
Altrettanto offensive per la comunità parrocchiale le scritte apparse sui muri: “Padre Basile non sei degno di stare in questa chiesa” e “Padre Basile kissa e prima e l’urtima”.
Motivo del contendere lo spostamento della statua lignea, raffigurante l’Immacolata, opera del Quattrocchi, dall’altare centrale dove si trovava prima della decisione dell’ex parroco don Massimiliano Purpura, che l’aveva spostata nell’altare laterale del Santissimo per fare posto ad un quadro in tela con un dipinto delle Anime Sante. 
Non è la prima volta che si verificano atti simili, anche nei mesi scorsi la contestazione è stata violenta e non soltanto a parole. Al parroco, don Giovanni Basile non è rimasto altro che denunciare, come nelle precedenti occasioni, l’episodio agli inquirenti che già da parecchio tempo monitorano la grave ed inquietante situazione. Don Basile più volte ha ribadito che: “la statua dell’Immacolata non è mia. La decisione di riportarla sull’altare centrale compete all’arcivescovo”.
Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco Patrizio Cinque.
“E’ una vicenda che lascia senza parole -ha detto il primo cittadino  che ha intenzione di organizzare per domenica, 21 gennaio, dopo la messa della sera delle ore 18.00, una fiaccolata, quale momento di riflessione su quanto accaduto e in segno di solidarietà a  padre  Giovanni Basile, parroco delle Anime Sante – Non è la prima volta che appaiono scritte contro il parroco, Don Basile non deve essere lasciato solo, è vergognoso quanto accaduto. Il Comune non può e non vuole che questo vile atto passi inosservato incoraggiamo padre Basile a non desistere. La comunità sana di questa città è con lui”.

Il sindaco invita tutta la cittadinanza ad unirsi al momento di riflessione che si svolgerà domenica, 21 gennaio, dopo la messa delle 18 ed invita anche tutto il clero bagherese, le parrocchie e padre Massimiliano Purpura, il precedente parroco delle Anime Sante ad accorrere per questo momento di riflessione.
Oggi, 18 gennaio, sul posto,  ad esprimere la sua solidarietà è accorso il presidente del Consiglio comunale Marco Maggiore,  per verificare quanto accaduto e portare sostegno a padre Basile e per annunciare l’intenzione dell’amministrazione di organizzare la fiaccolata di solidarietà.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.