f Tre Chef bagheresi e uno di Ficarazzi su Rai 1 nel programma "Linea Verde" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Tre Chef bagheresi e uno
di Ficarazzi su Rai 1 nel programma “Linea Verde”

sabato 17 febbraio 2018, 14:03   Attualità  

Letture: 17.361

Nel corso del programma “Linea Verde” andato in onda su Rai1, dedicata a Milano e alle sue realtà green, hanno avuto spazio anche ristoratori bagheresi.La puntata ha visto protagonista una realtà della ristorazione meneghina ad impronta bagherese.
Difatti  tra le realtà emergenti del panorama gastronomica milanese la Rai ha dato spazio a BabeK – The Kebab Revolution, locale che reinterpreta il kebab in chiave italiana, con materia prima di altissima qualità e produzioni interamente artigianali.
 Il locale che si trova a Milano in via del Torchio 3, è stato ideato e lanciato grazie alla creatività, alla capacità innovativa e all’intraprendenza di tre giovani bagheresi  Giulio Paracino, Virginia Paracino e Gaetano Marino, e  di Pietro Pesco, un ragazzo di Ficarazzi.
Virginia e Giulio sono tra l’altro sono figli d’arte, il papà, Martino Paracino è uno dei soci fondatori e attuali gestori dello storico e famoso bistrot bagherese “Mata Hari”.
Quattro giovani ragazzi che hanno unito talento e conoscenze rivisitando in chiave gourmet il kebab, con ingredienti selezionati e di qualità. La rivoluzione dei giovani fondatori ha inizio dalla scelta del nome: Babek, difatti è kebab al contrario e il locale desidera creare un’alternativa al kebab comunemente diffuso e lo fa restituendogli il suo valore storico, culturale e gastronomico.
La tradizione gastronomica bagherese, mette radici, in quella che dopo l’Expo 2015 sta diventando uno dei punti di riferimento europei e mondiali  del  buon cibo, assumendo una rilevanza mediatica nazionale.
                                                                                                                                                                  Michele Balistreri

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.