f Casteldaccia. Ufficializzata la seconda candidatura a sindaco: Giuseppe Guttilla | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Casteldaccia. Ufficializzata
la seconda candidatura a sindaco: Giuseppe Guttilla

venerdì 13 aprile 2018, 23:37   Politica  

Letture: 24.138

 

Il secondo candidato a sindaco di Casteldaccia, in vista delle elezioni comunali del 10 giugno è Giuseppe Guttilla.
Guttilla 49 anni, imprenditore commerciale nel campo della ristorazione, è stato anche consigliere comunale.Si aggiunge a Maurizio Nasca la cui candidatura è stata ufficializzata nei giorni scorsi. Nasca e Guttilla sono i primi due candidati e quasi sicuramente nei prossimi giorni se ne aggiungeranno altri.
Guttilla con una lettera aperta alla città, spiega i motivi della candidatura.
Sarà sostenuto da una lista civica chiamata “Officina Cambia menti”
“Ho il desiderio di stravolgere -scrive- le consuetudini tipiche delle presentazioni delle candidature nelle campagne elettorali. Sono io a farmi promotore del gruppo di cittadini che si sono liberamente avvicinati e incontrati e che, ispirati dalla volontà di mettere in comune intelligenze diverse, hanno dato vita all’“Officina CambiaMenti”. Amano dire “isamu a saracina”. Il nome del gruppo incarna il concetto di un’“officina” che riprende e ripara le cose “rotte”, seguendo la visione della Casteldaccia che vorrebbe. L’Officina è mossa dal desiderio di “cambia-menti” nella consapevolezza del fatto che i cambiamenti voluti dovranno in primo luogo realizzarsi nelle menti di ognuno. Ecco il perché della combinazione “Officina CambiaMenti”. Ecco perchè ho sposato in maniera piena e incondizionata il progetto.”

Nella nota Guttilla aggiunge che “anche io “isu a saracina”. Sono orgoglioso di presentare la mia candidatura a sindaco di Casteldaccia in seno all’“Officina CambiaMenti”. Noi di “Officina CambiaMenti” chiamiamo a f partecipare attivamente tutti coloro che vogliano farsi coprotagonisti del cambiamento del nostro paese. Siamo consapevoli che il termine “cambiamento” o espressioni più o meno equivalenti siano da sempre e, negli ultimi anni, più intensamente abusati e sviliti del loro significato originario. Ma non possiamo utilizzare un altro termine per contraddistinguere il nostro progetto.”

Guttilla nella nota sottolinea che l’intento è ridare credibilità ed onore al termine cambiamento.
“La nostra Officina è un luogo fisico e mentale all’interno del quale lavoriamo, smontiamo e rimontiamo ingranaggi logori e vecchi pregiudizi, facendo interagire le nostre diverse intelligenze. La nostra Officina è luogo di partenza e mai di arrivo. Dentro l’Officina abbiamo cominciato ad immaginare la Casteldaccia che vorremmo. Parimenti abbiamo acquisito consapevolezza delle amare conseguenze del dissesto finanziario dichiarato nel 2017, di come influirà sulla nostra azione amministrativa.”

Sullo stato di dissesto in cui si trova il comune di Casteldaccia dice: “arebbe ipocrita e irresponsabile da parte nostra ignorare lo stato di dissesto che rende ancora più difficile raggiungere un traguardo di normalità per la cittadinanza, stante che l’unica normalità che ci è stata fatta conoscere finora è l’emergenza. Esistono responsabili – ci sono sempre – ai quali poter attribuire la colpa di questo stato di cose, ma a noi oggi non interessa cercare colpevoli, a noi interessa fare pratica di responsabilità, guardare avanti e provare a ridare dignità ai concetti di comunità e bene comune, cominciando insieme a preparare il terreno più adatto dove coltivare speranze e, perché no, sogni. Ad oggi Casteldaccia appare trascurata e sporca, imbruttita e decadente, spenta, insoddisfatta e anonima. Un paese dormitorio per i suoi abitanti, un paese in cui la dimensione sociale e collettiva è impoverita e banalizzata. Vogliamo uno stato di normalità costruita dalla somma di condotte positive, di efficienza amministrativa, di ordine e decoro urbanistico ed ambientale, di trasparenza, di competenze, di meritocrazia, di correttezza. Officina CambiaMenti si è fatta e si farà promotrice di incontri di natura assembleare per allargare e consentire la più ampia partecipazione ai suoi lavori in direzione di un cambiamento corale nell’interesse dell’intera Comunità.”

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.