f Bagheria. Inseguimento fra la polizia e due ladri di auto che vengono arrestati | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Inseguimento fra la polizia e due ladri di auto che vengono arrestati

domenica 20 maggio 2018, 14:30   Cronaca  

Letture: 40.995

Dopo un inseguimento prima in macchina e poi a piedi, gli agenti del commissariato di polizia di Bagheria hanno arrestato 2 palermitano che viaggiano a bordo di un’auto rubata a Palermo.
I due alla fine sono stati arrestati. Si tratta di Alessio Cavallaro, di 23 anni e Luca Roberto Ficarra, di 35 anni, entrambi palermitani.
I fatti si sono verificati ieri notte, intorno alle ore 4.30 quando alla sala operativa era giunta la segnalazione che una Fiat Punto, risultata rubata, si trovava in transito a Palermo in via Rosario Nicoletti.
Ne è nato un inseguimento lungo il viale Regione Siciliana in direzione Catania. Quando la macchina si è trovata nei pressi di Bagheria sono intervenuti anche gli agenti di Bagheria.
I due occupanti dell’auto, alla vista della volante, si sono lanciati  materialmente contro l’autovettura di servizio.
Fortunatamente è stato evitato l’impatto. Dopo essersi immessi sulla strada statale 113 in direzione Ficarazzi, i fuggitivi, sempre ad altissima velocità e a forte rischio d’incidente con gli altri veicoli in transito nel senso opposto di marcia, hanno svoltato in una strada sterrata, terminando la loro folle corsa contro il pilastro in ferro di un cancello. A questo punto i due  occupanti si sono dati alla fuga a piedi ma sono stati inseguiti e bloccati dai poliziotti.
Cavallaro e Ficarra sono stati arrestati per il reato di furto aggravato in concorso e resistenza a pubblico ufficiale. Su disposizione dell’autorità giudiziaria sono stati condotti, in attesa di giudizio, presso le rispettive abitazione in regime di arresti domiciliari.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.