f Michele Rubino scagionato dall'omicidio di Cottone, avvenuto nel 2002 a Ficarazzi | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Michele Rubino scagionato dall’omicidio di Cottone, avvenuto nel 2002 a Ficarazzi

giovedì 7 giugno 2018, 10:00   Cronaca  

Letture: 13.194

E’ stato definitivamente scagionato dall’accusa di omicidio, Michele Rubino che era considerato uno degli autori dell’omicidio di Andrea Cottone, di Villabate, ucciso nel 2002 a Ficarazzi, con la tecnica della lupara bianca.La Procura non ha creduto alle dichiarazioni del pentito Stefano Lo Verso che lo indicava come uno degli autori.
Rubino è rimasto in carcere per 2 anni.
Per quella lupara bianca sono stai condannati all’ergastolo il bagherese Onofrio Morreale oltre a Nicola Mandalà, Giuseppe Comparetto e Ignazio Fontana.
Michele Rubino era assistito dagli avvocati Michele Giovinco e Domenico La Blasca.
Nelle motivazioni della sentenza i giudici parlavano di “foga descrittiva che si impadronisce del dichiarante”, di “alluvione che rende impalpabili i riferimenti”.
Secondo il racconto dei pentiti ad attendere Andrea Cottone al minigolf di Ficarazzi, c’erano i suoi assassini.
Venne strangolato con una cintura e il suo corpo fu sciolto nell’acido in un deposito di marmi di Bagheria.
Lo stesso pomeriggio nel mare di Aspra vennero buttati in mare anche alcuni oggetti che appartenevano a Cottone. Tranne i soldi, ovviamente.
I pentiti hanno infatti detto che il giorno dell’omicidio addosso a Cottone erano stati trovati quattromila euro in contanti e un assegno da settemila euro. Parte dei soldi vennero usati per acquistare vestiti in una boutique di Palermo.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.