f Sulla selezione pubblica dell'AMB | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Sulla selezione
pubblica dell’AMB

sabato 23 Giugno 2018, 14:27   L'Opinione  

Letture: 15.568

di Nicolò Benfante

Da un recente articolo pubblicato su un quotidiano on-line bagherese, ho avuto modo di leggere un avviso, da parte della società AMB servizi Bagheria, inerente la “selezione pubblica, con esami e colloquio, per la formazione di una graduatoria finalizzata all’assunzione a tempo determinato di ausiliari della sosta, V livello C.C.N.L. servizi ausiliari fiduciari e integrati”.
Dal presente articolo sono scaturite delle considerazioni, del tutto personali, che vorrei sottoporre alla Vostra attenzione. In primis, mi corre l’obbligo segnalare:
Il Comune di Bagheria, dichiarato dissestato in data 19/MAGGIO/2014, ha ottemperato ed ultimato gli obblighi previsti dalla normativa del T.U.E.L. per essere dichiarato “in bonis” o meglio fuori dal dissesto ?
Ad oggi, a memoria, mi pare che nessuna documentazione o atto ufficiale sia pervenuto all’ente da parte del Ministero.
Questa breve puntualizzazione, perché dopo quanto letto, è stata approvata la proposta di affidamento in house, con delibera di G.M. 297 del 05/12/2017, delle aree pubbliche comunali destinate alla sosta di pagamento e di cartellonistica stradale; (ricordo che la AMB servizi Bagheria è a socio unico con capitale di € 100.000,00 interamente versato dal comune di Bagheria).
I conti della società devono essere appartenente al Comune, per la normativa vigente quello che spende la società rientra tra i conti del Comune, consolidati con i conti del Comune, ed essendo società interamente.
Successivamente, con delibera G.M. n° 78 del 04/04/2018, “è stata prevista la durata del servizio de quo in 10 anni”;
Parimenti con Determina Dirigenziale n° 24 del 05/04/2018, da valere come determina a contrarre, il Responsabile della direzione X (10), ha approvato la relazione per l’affidamento del servizio di gestione della sosta su suolo pubblico e lo schema di contratto di servizio.
Il contratto di affidamento in house, in capo alla società AMB servizi, delle aree di sosta a pagamento è stato sottoscritto in data 23/04/2018 rep. 155 e registrato all’Agenzia delle Entrate di Bagheria il 07/05/2018 serie 1T al n° 556.
Nella seduta del Consiglio di Amministrazione della AMB servizi, il Presidente è stato autorizzato ad indire il presente avviso di selezione pubblica.
Questi passaggi, risultano obbligatori, per formulare ed evidenziare le perplessità e le certezze del dubbio che si profilano sotto la legittimità degli atti, oltre a rilevare “qualche” serio conflitto d’interessi.

  • La società AMB servizi costituita in data 04/05/2017, come da Registro delle imprese, risulta attiva a partire dal 23/04/2018, un caso?
  • Dato che la AMB ad oggi non ha mai operato, quali sono le fonti di copertura per pagare le figure previste da bando selezione?
  • La fase di questa programmazione è stata prevista nei bilanci dell’ente?
  • Ricordo che l’ultimo bilancio autorizzatorio (previsionale 2016-2018) è stato approvato il 12/13 giugno 2018, abbondantemente oltre la programmazione e le date (evidenziate e sottolineate) di affidamento alla società AMB;
  • Ma se la AMB servizi dovesse gestire l’affidamento delle aree di sosta a pagamento e della cartellonistica stradale, gli introiti del servizio chi li percepisce? e per il comune di Bagheria?
  • Forse si evince un comportamento elusivo?
  • Ma essendo un comune in dissesto, i trasferimenti di somme che saranno accreditate alla società per la spesa, quantomeno iniziale, del personale non devono essere soggette a controllo ed autorizzazione del ministero? (le famose prescrizioni)
  • In una fase di dissesto, acuta e perenne come Bagheria, senza programmazione postuma, può essere affidata a terzi la gestione del servizio di cui all’avviso anzidetto?
  • In questi 4 anni di amministrazione abbiamo assistito ad una programmazione ANTE, vale a dire si sono impegnate somme e fatte spese senza bilanci, per poi attendere la copertura dei capitoli nell’anno di competenza di redazione del bilancio corrente al fine di evitare i debiti fuori bilancio. Questa è una gestione allegra e manifesta di pura illegalità, illegittimità e mistificazione di atti che non rispecchiano la competenza, la conoscenza delle norme e la diligenza del buon padre di famiglia, tutt’altro!

Se questa è la strada della giusta programmazione imboccata dall’Amministrazione attuale, soprattutto in procinto della fine mandato, nutro vivamente delle false aspettative e speranze a discapito di quei cittadini speranzosi e bisognosi di trovare delle soluzioni logiche ed alternative alle scarse, se non assenti, opportunità lavorative.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.