f Casteldaccia. La Corte dei Conti accusa Di Giacinto e Spatafora di danno erariale | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Casteldaccia. La Corte dei Conti accusa Di Giacinto e Spatafora di danno erariale

venerdì 31 agosto 2018, 16:32   Attualità  

Letture: 35.973

di Martino Grasso

La Procura regionale della Corte dei Conti ritiene responsabili di un danno erariale di 239 mila euro, l’attuale sindaco di Casteldaccia Giovanni Di Gacinto e il suo vice Fabio Spatafora. Coinvolti anche due responsabili della gestione del patrimonio immobiliare del Comune.Ad accusarli è la Procura regionale della Corte dei Conti siciliana che li ha citati a giudizio e ritenuti responsabili di un danno erariale di oltre 239.000 euro, per non avere rispettato le norme sul contrasto all’abusivismo edilizio.
I fatti contestati si riferiscono agli ultimi dieci anni, dal 2007 al 2017, quando i primi cittadini erano Giovanni Di Giacinto (rieletto lo scorso mese di giugno) e Fabio Spatafora.
Le indagini sono state delegate dalla procura contabile al nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Palermo.
Secondo l’accusa “avrebbero consentito agli autori degli illeciti di continuare a beneficiare degli immobili realizzati abusivamente, senza corrispondere alcuna indennità di utilizzo, né la tassa sui rifiuti e gli altri tributi previsti dall’ordinamento, con conseguente danno per le casse del Comune”.
Il filone di indagine non riguarda solo i due sindaci di Casteldaccia, ma anche altri  colleghi della regione, anche loro accusati di non avrebbero rispettato l’iter amministrativo in materia di abusivismo edilizio che prevede quattro passaggi: l’ingiunzione a demolire (che deve essere eseguita dagli autori dell’abuso entro 90 giorni); l’acquisizione gratuita per legge al patrimonio immobiliare (in caso di mancata demolizione); l’accertamento formale dell’inottemperanza all’ordine di demolizione e la relativa notifica all’interessato; l’immissione in possesso e la trascrizione nei registri immobiliari a favore del Comune.
Giovanni Di Giacinto, sindaco attuale del Comune, si è dichiarato sereno sulla vicenda.
“I sindaci siamo stati tirati in ballo senza avere nessuna responsabilità, così come i dirigenti- sottolinea l’attuale primo cittadino- Il periodo a me imputato è solo di un mese. Penso comunque che tutto si risolverà quanto prima.”

Anche Fabio Spatafora respinge ogni accusa: “mi sembra una caccia alle streghe. La vicenda coinvolge molti comuni siciliani ed è stato tirato in ballo solo Casteldaccia. Per quanto riguarda il nostro comune, si tratta di 35 immobili abbandonati e non sanati e che non potevano essere affittati. Sono sereno e contesteremo tutto. Spero che questa vicenda venga attenzionata da chi di dovere”.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.