f "No alla discarica in contrada Incorvino" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

“No alla discarica in contrada Incorvino”

mercoledì 29 agosto 2018, 14:54   L'Opinione  

Letture: 6.102

di Emanuele Tornatore *

Con ordinanza Sindacale n. 58 del 22 agosto 2018 il nostro sindaco ha deciso di legalizzare la discarica dell’Autoparco di Contrada Incorvino. Infatti ha deciso di istituire “ufficialmente “un Centro di Raccolta Temporaneo e provvisorio, leggasi discarica. Perchè all’autoparco, in pieno centro abitato e a pochi metri del mercato ortofrutticolo vi è una discarica. Io stesso ho avuto modo di fare un sopralluogo il 25 luglio e riscontrando una situazione oltre ogni limite per la sicurezza e l’igiene dei dipendenti, dei fruitori del mercato ortofrutticolo e degli abitanti di Contrada Incorvino, ho fatto esposto- denuncia al Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri. L’autoparco risultava essere pieno di topi vivi e morti, rifiuti umidi in decomposizione con evidente percolato,  ingombranti in ogni dove, sacchetti con vetro riempivano i magazzini, fetore insopportabile. Questo non è un autoparco ma una discarica e questa discarica il Sindaco con questa ordinanza la rende legale.
Temporanea e Provvisoria per quanto? Per quanto tempo ancora gli abitanti di Contrada Incorvino devono vivere a contatto con la discarica di rifiuti? Per quanto tempo la nostra frutta e gli ortaggi che consumiamo devono essere a contatto con topi e liquami, a pochi metri dai rifiuti?
Trovo vergognosa questa ordinanza che rappresenta l’evidente fallimento delle politiche dei rifiuti condotto da questa amministrazione. Quanti dei rifiuti differenziati che vengono prelevati con il porta a porta vengono conferiti nei giusti impianti? Quanto del vetro e dell’umido che differenziamo è realmente differenziato visto che l’autoparco è pieno di umido e di vetro?
In Alcune parti della città, vero è, la spazzatura non c’è, ma dove va a finire? Si pulisce il soggiorno e si nasconde la polvere e sporcizia nello “sgabuzzino”?  Perchè per questa amministrazione le periferie sono lo “sgabuzzino”  della città dove poter fare le discariche, dove poter tenere strade con voragini enormi, senza controllo, dove l’acqua arriva a stento ( soprattutto ad Aspra). Chiedo a nome di tanti cittadini che certamente faranno sentire la loro voce, la sospensione dell’ordinanza.
Ci appelleremo a tutte le autorità competenti perchè non accettiamo che venga legalizzata una discarica voluta, mantenuta, alimentata dal Sindaco e dalla sua amministrazione. Non ci arrendiamo , il sindaco non ha idea di cosa siano le periferie rimanendo chiuso con il suo cerchio magico all’interno del palazzo. Trovo questa ordinanza lesiva della dignità di cittadini, considero questo Centro di Raccolta una discarica che smaschera la finta rivoluzione dei rifiuti. Perchè tutti i comuni che da un mese o più hanno iniziato la raccolta differenziata sono arrivati al 70%? Perchè noi non sappiamo dopo più di un anno la percentuale della nostra raccolta differenziata? Cosa si nasconde? Perchè i cittadini non hanno il diritto di sapere se e quanto differenziano? Apriamoci gli occhi, la finta trasparenza non funziona più, la fasulla gestione della cosa pubblica con proclami e fotografie è stata scoperta. Il Re è nudo. 

* consigliere comunale Pd 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.