f Bagheria: Rifiuti a 5 stelle | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria:
Rifiuti a 5 stelle

venerdì 28 Dicembre 2018, 16:37   L'Opinione  

Letture: 6.370

di Movimento Senza Potere

Pensavamo che esistessero solo gli alberghi a 5 stelle, ma ci dobbiamo ricredere, perché esiste anche l’immondizia a 5 stelle.
In questi giorni abbiamo ricevuto i calorosi auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo dal nostro Sindaco e dalla sua Giunta con un aumento considerevole della TARI, la tassa sui rifiuti.
Come non ricordare l’enfasi del Sindaco nell’annunciare, oltre alla famigerata frase “rifiuti zero a Bagheria” un vero inno all’immondizia: “Abbiamo abbattuto il costo della raccolta e smaltimento dei rifiuti”. Bella notizia! Quindi noi cittadini, fiduciosi delle parole del primo cittadino, abbiamo pensato, ingenuamente, che la TARI sarebbe diminuita. Non solo non è diminuita, anzi abbiamo ricevuto una bella batosta.
Si, una vera e propria batosta: IMU, TASI, TARI è finita la tredicesima!
Infatti, in questi giorni gli uffici competenti sono letteralmente presi d’assalto dai cittadini. Sembrano un po’ arrabbiati. Forse stanno cominciando a capire che questa amministrazione, in stato confusionale, e che fa solo propaganda, li sta prendendo in giro e sta cominciando a grattare nelle loro tasche.
Ma dal balcone di Palazzo Chigi non era stato detto che avevano estirpato la povertà?
L’immondizia di Bagheria è stata la più veloce di tutti: ha battuto anche la manovra del cambiamento.
La nostra città sta diventando il laboratorio politico del bufale del Movimento 5 Stelle, e non solo (vedi Salvini). Dalla TARI al reddito di cittadinanza, da rifiuti zero alla pensione di cittadinanza, passando per quota cento: il campionato europeo delle bufale!
Ma la domanda sorge spontanea: la AMB S.p.A, in tutto questo che ruolo ha?
Riteniamo opportuno che noi cittadini, in nome della trasparenza e dell’onestà, dovremmo essere messi al corrente della gestione di questa “meravigliosa” creatura comunale, che risolverà, secondo il Sindaco, tutti i problemi di Bagheria.
Ci renderemo conto della catastrofe forse quando vedremo i bilanci. Chi pagherà il conto? Noi cittadini, ovviamente. Anzi, stiamo già pagando il conto, perché l’aumento della TARI dimostra che siamo forse in presenza di qualche problemino finanziario. Tenete sempre presente l’estirpazione della povertà!
Cosa sta nascondendo il Sindaco al Popolo? Cosa pensano i nostri rappresentanti in Parlamento, On. Licatini e On. Casa, della situazione in cui versa la loro Città?
Certo, dopo che hanno votato il vergognoso decreto sicurezza, l’inconsistente decreto dignità e la forse manovra del cambiamento (speriamo che almeno blocchino il terrificante disegno di legge Pillon), non possiamo aspettarci grandi risposte.
La propaganda è una brutta bestia, perché parla alla pancia delle persone, ma la pancia non ragiona. E questo, purtroppo, complica tutto.
Chi in futuro amministrerà la nostra Città dovrà affrontare enormi problemi. Forse più che problemi sono vere e proprie croci da portare. Ma non bisognerà guardare indietro, ma lavorare pancia a terra per il bene della comunità. Tutti dovrebbero contribuire alla rinascita di Bagheria dai professionisti agli imprenditori, dal mondo della scuola al mondo della cultura, dai pensionati ai giovani.
Soprattutto i giovani dovrebbero essere l’anima di questa rinascita, perché devono rendersi conto che il loro futuro dipende da loro: dal loro impegno, dalla loro voglia di vivere in una società più equa, più aperta, e che offra maggiori opportunità a tutti. Ciò significa mettersi in discussione.
Non possiamo ovviamente non ricordare, con tristezza, ma con grande affetto, un ragazzo, che si è messo in discussione, Antonio Megalizzi, figlio della generazione Erasmus, di una Europa unita, aperta, accogliente ed inclusiva, contro la barbarie del fondamentalismo, del sovranismo, del nazionalismo, del populismo.
Grazie, Antonio, per averci ricordato che lo spirito dell’Europa, cioè quello voluto dai Padri fondatori, è il nostro futuro, perché siamo figli di quella Europa, e quindi del mondo.
https://www.facebook.com/senzapotere/

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.