f Bagheria. Fermati un adulto e un minore nell'ex mulino Cuffaro mentre rubavano | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Fermati un adulto e un minore nell’ex mulino Cuffaro mentre rubavano

mercoledì 16 Gennaio 2019, 15:04   Cronaca  

Letture: 19.954

Avevano appena caricato nella macchina pezzi di ferro dei macchinari dentro un vecchio mulino in disuso, che sorge nei pressi del museo Guttuso a villa Cattolica, ma sono stati fermati dalla polizia.Gli agenti del commissariato di Bagheria hanno arrestato un adulto e denunciato un minorenne, con l’accusa di furto aggravato.
In manette è finito un ficarazzese di 25 anni, Alessandro Ferrito, con precedenti di polizia.
A coadiuvare i poliziotti del commissariato di Bagheria, sono stato i colleghi del soccorso pubblico.
Gli agenti, in transito lungo la via Rammacca, hanno notato una vettura col portabagagli aperto nella direzione del portone dell’ingresso principale del mulino, da qualche anno non più attivo. Hanno deciso di fermarsi ed approfondire: a distanza di qualche minuto, due individui, il venticinquenne ed un minorenne sono usciti dall’immobile, con in mano alcuni tubi in ferro.
I poliziotti li hanno bloccati ed hanno verificato come entrambi avessero già provveduto a stipare nella vettura altre tubazioni: si trattava di componenti di macchinari in ferro per la lavorazione ed il trasporto al piano superiore del grano, sottratte nel piano sotterraneo della struttura originariamente adibito a luogo di giacenza del grano stesso.
Nella vettura sono stati ritrovati arnesi atti allo scasso, usati tra l’altro per forzare le voluminose lastre metalliche poste a protezione dell’ingresso principale.
Il maggiorenne è stato tratto in arresto ed il minorenne denunciato a piede libero. Il materiale trafugato è stato invece restituito ai legittimi proprietari.
Il mulino Cuffaro è da anni abbandonato e purtroppo mea di ladruncoli e vandali.
Negli anni scorsi c’era un progetto per rivalutarlo e utlizzarlo come contenitore culturale, aporofittando della vicinanza con il museo Guttuso, ma non se ne è fatto più nulla.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.