f Bagheria. Fratelli d'Italia critica l'affidamento per i controlli per le strisce blu | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Fratelli d’Italia critica l’affidamento per i controlli per le strisce blu

lunedì 11 Febbraio 2019, 10:18   Attualità  

Letture: 2.855

Sull’affidamento alle guardie ambientali per i controlli delle strisce blu, la sezione bagherese di Fratelli d’Italia ha diffuso un comunicato stampa in cui critica l’incarico.“Si sa, le strisce blu in diversi comuni, specie nei periodi estivi, sono una grande occasione per batter cassa e investire i soldi così guadagnati al fine di poter dare ulteriori servizi alla cittadinanza. In un comune Normale sarebbe così. Ma non a Bagheria. Patrizio Cinque, all’inizio del suo mandato diceva che avrebbe portato la cittadina Bagherese alla “Normalità”. Dispiace sottolineare, purtroppo, di seguito, alcune cose “Anormali”, tra cui tali strisce. È bene ricordare che Cittadini e opposizione Bagherese, tra cui il nostro consigliere Rosario Giammanco, avevano discusso e sollevato già in consiglio comunale, al varo di dette strisce blu, alcuni seri dubbi su alcune anormalità, in particolare quelle sui costi assurdi.”

Fratelli d’Italia sottolinea che avevano lanciato una petizione per bloccare quel provvedimento ritenuto avventato. “L’amministrazione capitanata dal sindaco Cinque aveva paragonato, inoltre, i costi delle strisce nel territorio comunale con quelle del Nord Italia. Come se non sapesse che a Bagheria c’è un tenore di vita ben diverso! Successivamente, grazie all’intervento di molti cittadini e dei consiglieri comunali di opposizione (aggiungendo anche qualche perplessità da parte dei consiglieri stessi del movimento 5 stelle), venne ridotto il costo. E menomale! Altre false speranze insorsero sulla questione circa le assunzioni degli ausiliari del traffico. Centinaia di domande di partecipazione vennero di fatto fatte presentare presso quegli uffici deputati all’accettazione delle stesse, segnalati dall’amministrazione pentastellata comunale. Era l’estate 2018. Ma da quella estate calda fino ad oggi, i candidati non hanno avuto alcuna notizia. Ci domandiamo a questo punto che fine abbiano fatto quelle domande di partecipazione per la selezione degli ausiliari del traffico. Forse che sono stati ben “riposti e dimenticati” all’interno dei tantissimi mastelli inutilizzati blu, nei vari uffici del palazzo Ugdolena? Centinaia di domande praticamente così cestinate da parte della AMB? La città attende tutt’oggi una risposta chiara. Trasparente. Un altro aspetto è quello dei mancati controlli. Questi ultimi avrebbero causato una beffa economica pesantissima non indifferente per il comune stesso.”

Sul nuovo affidamento il gruppo aggiunge “è di poche ore fa la notizia diffusa dal sito della sala stampa del comune di Bagheria, ovvero l’affidamento del controllo delle strisce all’associazione delle guardie ambientali. Una notizia che non fa altro che generare perplessità nei cittadini, e che va ad inserirsi nelle liste delle mille domande del perché di tali azioni, e non solo. Aspettiamo, infatti, ancora, che vengano rispettate promesse come maggiori servizi quali le navette gratuite. L’unica certezza che è palese ai cittadini bagheresi, viene unicamente dai costi di certe azioni, di certe operazioni, per metter su tutto questo nulla. Ricordiamo solo il costo della segnaletica blu per tutto il circuito cittadino: 16 mila euro. Per non parlare dei parcometri in “Affitto”, che hanno costi non di poco conto. A questo punto ci chiediamo: gli utili sono riusciti a coprire le perdite? Non era necessario un minimo di programmazione? E arrivati a questo punto, non era forse meglio arrendersi e non tentare l’ultima – consentiteci il termine – farsa? Come detto all’inizio di detto comunicato, in una città “Normale” le strisce blu vanno ad agevolare i residenti, creano servizi con gli introiti provenienti da non residenti, e non pensando di far pagare cifre assurde a quei cittadini che già le tasse le pagano, ricevendo, ahinoi, servizi quasi inesistenti. Non possiamo non affermare, in ultimo, che quest’ultima azione è l’ennesimo segnale di un amministrazione ormai moribonda. Ci auguriamo che i cittadini di Bagheria, chiamati alle urne elettorali giorno 28 Aprile prossimo venturo, data delle delle amministrative, possano, con il loro voto, scegliere il loro futuro e, dunque, le sorti della nostra città con ragionevolezza e determinazione.”

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.