f Bagheria. Trasferiti in un ricovero a Trabia i cani e i gatti di via Setti Carraro | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Trasferiti in un ricovero a Trabia i cani e i gatti di via Setti Carraro

mercoledì 13 Marzo 2019, 17:07   Attualità  

Letture: 6.858

Sono stati spostati i venti animali, fra cani e gatti che si trovavano all’interno della casa di via Setti Carraro.  L’amministrazione ha potuto contare sulla collaborazione di un canile di Trabia, con l’accordo della loro padrona e sono stati dichiarati adottabili.La situazione era stata denunciata dai vicini di casa della proprietaria dei cani. Fu dunque stabilito un sopralluogo congiunto tra la polizia municipale e azienda sanitaria locale, lo scorso 7 gennaio, durante il quale emersero le condizioni di degrado igienico dell’immobile. Nell’appartamento erano presenti 8 cani e 4 gatti di proprietà della signora, e l’Asp, l’azienda sanitaria  decretò che l’immobile era antigienico ed invivibile. E’ stato pertanto necessario allontanare la proprietaria, per la sua incolumità e salute.
Soluzione trovata anche per i cani che,  dal momento che restano di proprietà della signora, erano rimasti per alcuni giorni nell’appartamento dove sono stati accuditi giornalmente dagli agenti della polizia municipale che gli davano da mangiare, anche alla presenza della proprietaria,  e ne verificavano lo stato di salute.
il sindaco, Patrizio Cinque aveva già disposto, con l’ordinanza n. 3 del 15 gennaio 2019, e assieme agli operatori dell’Asp, ai dipendenti dei Lavori pubblici e agli assistenti sociali, oltre che ai veterinari, si era da subito adoperato per trovare una soluzione, in quanto i cani, non essendo randagi ma appunto di proprietà non potevano essere affidati a nessuna associazione. Accordo trovato dunque con la proprietaria e ora anche per i gatti è pronta una soluzione.
«Come è stato certificato dagli stessi veterinari di Asp i cani ed i gatti, che ora avranno una nuova casa, godono di ottima salute – ha spiegato il primo cittadino – e che non sono mai stati maltrattati. Occorre agire secondo le norme in vigore, era necessario intervenire a tutela dei cittadini della zona per la quieta pubblica, ma anche per trovare una giusta collocazione ai cani, in accordo con la proprietaria. Monitoreremo lo stato di salute degli animali anche grazie ai tanti volontari che si sono prestati a darci una mano e che ringraziamo».

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.