f Giovane bagherese inventa una macchina per valorizzare l'acqua pubblica | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Giovane bagherese inventa una macchina per valorizzare l’acqua pubblica

martedì 9 Aprile 2019, 09:50   Attualità  

Letture: 35.955

di Martino Grasso

La prima macchina ecosostenibile per la valorizzazione di acqua pubblica è stata progettata e realizzata da un giovane bagherese.Si chiama Francesco Arena, ha 24 anni, e si è diplomato qualche anno fa all’Ipsia di Bagheria.
L’idea è nata nel 2018. L’intento è quello di creare dei distributori da installare nelle città dove i residenti possono attingere e rifornirsi di acqua potabile.
L’erogatore avrebbe il doppio vantaggio di abolire le bottiglie di plastica e di contribuire a rendere l’acqua pubblica potabile.
Di tratta di una sorta di casetta dell’acqua che rappresenterebbe un punto in cui il cittadino può rifornirsi d acqua depurata, liscia o anche gassata, con risparmi notevoli.
Il nuovo erogatore sarebbe dotato di touch screen e un software come quello delle applicazioni per i telefonini.
“Sono molto legato alle tematiche ambientali -dice Francesco Arena- e alle iniziative che mirano alla salvaguardia dell’ambiente. Il mio progetto sposa i concetti di innovazione e sostenibilità.”
Ma perché i cittadini dovrebbe utilizzare questo nuovo sistema?
“L’acqua erogata da HydroSelf -dice- viene controllata periodicamente e viene trattata con innovativo sistema di filtrazione. Viene sterilizzata e refrigerata ed è anche possibile erogare acqua refrigerata e gassata.”
Francesco Arena ha le idee chiare sulla sua invenzione.
“Contribuirebbe a ridurre la produzione di plastica PET utilizzato dalle aziende nel processo di imbottigliamento. Non è solo un risparmio personale per il proprio portafogli ma è anche un modo per contribuire alla salvaguardia dell’ambiente. Inoltre potrebbe diventare un punto di aggregazioni sociale ed uno strumento per le amministrazioni per comunicare buoni esempi ai propri cittadini. In più la macchina è un calcolatore che raccoglie dati in cui può essere installato un lettore di tessera sanitaria con la quale l’utente può identificarsi (naturalmente il comune deve aderire a questa iniziativa) e avere una percentuale di sconto sulla tassa dei rifiuti. Basandoci sulle bottiglie d’acqua in commercio, ogni 2 litri d’acqua erogati da hydroself non viene conferita 1 bottiglia di plastica, e in base a questo parametro si potrebbe calcolare una percentuale di sconto sulla tari per ogni famiglia.”

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.