f Bagheria. Conferenza conclusiva del cammino della magna via francigena | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Conferenza conclusiva del cammino della magna via francigena

lunedì 13 Maggio 2019, 09:46   Attualità  

Letture: 3.708

di Stefania Morreale

Successo per la conferenza di chiusura del cammino della magna via francigena, organizzato dall’Aisf (Associazione Italiana Sindrome Fibromialgica) per sensibilizzare maggiormente la società verso la condizione dei malati di fibromialgia.Il cammino della magna via francigena e la fibromialgia si incontrano grazie all’idea di Giusy Fabio, vicepresidente area sud Italia e referente regionale Sicilia AISF Onlus, che decide di creare un gruppo di camminatori affetti da fibromialgia che hanno la voglia di percorrere il cammino, organizzando ad ogni tappa conferenze e incontri con le amministrazioni locali e con i cittadini per sensibilizzarli al tema della fibromialgia. 
L’evento, che si è svolto a Villa Cattolica e ha riscosso molto interesse tra i partecipanti, ha visto la partecipazione, oltre che della stessa Giusy Fabio, anche del sindaco Filippo Tripoli con alcuni assessori, dell’ex assessore alle politiche sociali Maria Puleo, del presidente Terza Commissione del Comune di Palermo Paolo Caracausi, del professor Ciaccio (Direttore del Dipartimento di diagnostica di laborario), della professoressa Guggino (Dirigente medico in reumatologia), della psicologa Antonella Musso, del Presidente BC Sicilia Alfonzo Lo Cascio, del Presidente Casb Michele Balistreri e di Carla Tripoli dell’associazione Neava Onlus.
Il cammino della magna via francigena è un percorso che collega Palermo ad Agrigento, utilizzato nell’antichità soprattutto da pellegrini che si spostavano prevalentemente per motivi commerciali. Passa per diversi comuni (Palermo, Monreale, Santa Cristina Gela, Corleone, Prizzi, Castronovo di Sicilia, Sutera, Grotte, Racalmuto, Joppolo Giancaxio, Agrigento) ed è solo da qualche anno che è stato riscoperto grazie all’associazione Amici Francigeni; oggi è possibile organizzare pellegrinaggi guidati tra questi luoghi.
Il percorso affrontato dai camminatori di Aisf, oltre a sensibilizzare l’opinione pubblica, ha fatto sì che molti ammalati, da tempo isolati e senza riferimenti, si sentissero meno soli; inoltre le testimonianze di chi ha partecipato al cammino lo descrivono come un percorso ricco di emozioni, certo anche di difficoltà, ma anche e soprattutto di soddisfazioni e di tanta condivisione. “Oggi molta gente mi chiede ‘Giusy cosa posso fare? Come posso contribuire alla diffusione di informazioni sulla fibromialgia’” – ha dichiarato soddisfatta e commossa Giusy Fabio – “Molta altra gente, che magari prima non aveva il coraggio o gli strumenti per far sentire la propria voce, adesso si mette in gioco e collabora alla creazione di nuove sedi per l’associazione. Ecco questo è quello che realmente volevo fare attraverso questo cammino; questo era lo scopo: fare in modo che più persone si attivassero per questa causa, abbandonando quel senso di solitudine e impotenza che troppo spesso è presente nelle loro vite”.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.