f Ripulita dai volontari la caletta di Sant'Elia. Recuperati molti rifiuti | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Ripulita dai volontari la caletta di Sant’Elia. Recuperati molti rifiuti

martedì 6 Agosto 2019, 15:29   Attualità  

Letture: 12.330

di Martino Grasso

Il fondale marino della caletta che sorge nel borgo marinaro di Sant’Elia ha restituito ogni tipo di rifiuti, da vecchi copertoni, a grosse barre di ferro, bottiglie di plastica e persino un infisso intero.La pulizia del fondale marino rientra nella manifestazione “TuteliAmo il golfo di Capo Zafferano”, il cui scopo principale è tutelare e valorizzazione il mare e l’ambiente.
All’iniziativa promossa da Caterina Licatini, deputata alla camera, hanno aderito numerosi volontari fra cui Giuseppe Morana, Pietro e Domenico Roccapalumbo e Alessandro Morreale, che alcune settimane fa avevano lanciato una petizione per la tutela del territorio e del golfo.
Alla pulizia hanno preso parte alcuni sub delle associazioni Blu Shark e Blu Aura di Santa Flavia.
“Il proprio stile di vita e le proprie scelte possono influire sul benessere e la salute dell’ambiente -sottolinea la Licatini- A seguito del deposito alla Camera dei Deputati della proposta di legge a mia firma, la quale si propone di istituire l’Area marina protetta del Golfo di Capo Zafferano ed ispirata dal senso civico dei miei concittadini, ho deciso di lanciare questo evento nel Golfo di Capo Zafferano.”
L’evento ha preso inizio nei giorni scorsi con l’installazione di un corridoio di 25 boe da posizionare lungo tutto il golfo per la tutela dei bagnanti. Questa fase è stata coordinata dalla Capitaneria di Porto di Porticello. Ieri insieme ai volontari e alle istituzioni dei territori interessati, ha avuto luogo la pulizia dei fondali del tratto di mare “Calette di Sant’Elia”.
Lo smaltimento dei rifiuti, raccolti durante la mattinata, è avvenuto ad opera di “Ecogestioni s.r.l.”.
Ha inoltre avuto luogo un dibattito presso il Chiosco “Il Nodo” di Sant’Elia.
L’evento è stata organizzato con la collaborazione del “Flag – Golfo di Termini Imerese” e con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare, del Comune di Santa Flavia, del Comune d Bagheria e della Capitaneria di Porto di Porticello. Sono invitati a parteciparvi, oltre ai volontari, la Consulta Giovanile del Comune di Bagheria, il WWF Sicilia, il WWF Sicilia Nord Occidentale e i Diving Club.
Fondamentale sarà comunque il riconoscimento della zona in area marina che prevede Capo Zafferano tra le aree in cui possono essere istituiti parchi marini o riserve marine.
L’area in questione di enorme pregio ambientalistico e naturalistico, è già sito d’interesse comunitario e ospita una prateria di Posidonia a 10 metri sotto il livello del mare e una flora e fauna, la cui preservazione è necessaria per mantenere la biodiversità presente nel territorio siciliano nord-occidentale.  La tutela dell’area, oltre a salvaguardarne i fondali, potrebbe e dovrebbe far da volano all’economia turistica.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.