f Bagheria. Approvato il progetto per il recupero di villa Castello. Sarà un centro sociale | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Approvato il progetto per il
recupero di villa Castello. Sarà un centro sociale

martedì 15 Ottobre 2019, 12:52   Attualità  

Letture: 18.909

di Pino Grasso
Approvato il progetto per il riuso e la rifunzionalizzazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata di Villa Castello. L’immobile appartenuto alla famiglia Castello è ubicato in corso Baldassarre Scaduto, l’arteria che collega Bagheria con la frazione marinara di Aspra.
L’immobile che verrà riutilizzato per fini sociali quale centro polivalente di servizi, si avvale di un finanziamento pari a 571.795,87 euro.
Le misure del finanziamento, sono relative all’azione 9.6.6. del PO FESR 2014-2020 per interventi di recupero funzionale e riuso di vecchi immobili di proprietà pubblica, in collegamento con attività di animazione sociale e partecipazione collettiva, inclusi interventi per il riuso e la rinfunzionalizzazione dei beni confiscati alle mafie.

Lo scorso mese di marzo, l’amministrazione comunale aveva pubblicato online nella sezione “Amministrazione condivisa” del sito web comunale le nuove proposte di patti di collaborazione giunte da cittadini e associazioni che intendono offrire il proprio aiuto e Know how per prendersi cura di beni comuni secondo i principi dell’amministrazione condivisa.
Per la realizzazione dei lavori infrastrutturali per il sociale era stata varata una gara mediante il MEPA, il mercato elettronico della pubblica amministrazione e i termini per la presentazione delle domande scadevano l’8 ottobre scorso.
Tali termini sono stati prorogati in quanto erano pervenute numerose richieste telefoniche, e-mail e pec da parte delle ditte che hanno riscontrato problemi tecnici dovuti a rallentamenti del Portale e di tutti i servizi e gli strumenti ad esso connessi e che ancora adesso persistono gli stessi problemi. L’amministrazione comunale allora ha prorogato i termini per consentire la massima partecipazione delle ditte interessate all’appalto, di presentare le domande. 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.