f Bagheria. Il Natale della cultura. Presentato il cartellone degli eventi | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il Natale della cultura. Presentato il cartellone degli eventi

giovedì 5 Dicembre 2019, 14:48   Cultura  

Letture: 6.543

E’ stato presentato un cartellone di eventi natalizi dal titolo  “Il Natale della Cultura”.
La proposta di eventi è patrocinata dall’assessorato alla Cultura diretto dal vicesindaco Daniele Vella che, in sinergia con associazioni, club e artisti di tutto il territorio e dell’hinterland, garantirà un Natale di appuntamenti culturali di livello.Alla conferenza erano presenti il sindaco Tripoli, l’assessore Vella e la direttrice artistica del cartellone di eventi Rossella Scannavino, oltre a diversi rappresentanti di associazioni coinvolte nell’organizzazione.
Tra gli eventi clou del cartellone il vernissage di “Twist”, la mostra personale dell’artista bagherese Arrigo Musti, che aprirà i battenti il 21 dicembre al museo Guttuso e sarà visitabile sino al 22 febbraio 2020. L’artista esporrà nella sua città natale per poi volare con la sua “Twist” anche negli States.
Da evidenziare anche la mostra fotografica di Nicola Scafidi sulla nota pellicola “Il Gattopardo” organizzata dai Lions club che verrà inaugurata il 9 dicembre, alle 17,30, a villa Butera e visitabile sino al 15 dicembre presso villa Butera.
Altro evento d’eccezione e di particolare importanza per il Comune di Bagheria la consegna di un’opera dei fratelli Ducato, il pannello che rappresenta “La Battaglia del ponte Ammiraglio”, firmato dal maestro dell’arte del’900 Renato Guttuso, consegna che avviene da parte dell’ex gruppo dirigente dei DS di Bagheria, il 28 dicembre a villa Cattolica, alle ore 11,30.
Iniziativa di grande valore sociale il “Presepe social” la cui inaugurazione a palazzo Cutò è prevista per il prossimo 6 dicembre, alle ore 10,00 a cura dell’associazione nazionale della Polizia di Stato di Bagheria che vedrà l’esposizione di diversi presepi alcuni realizzati anche da ex-detenuti.
Il 7 dicembre, alle ore 12,00, a piazza Vittime della mafia, a cura del Leo club, Bagheria rende omaggio ad un bagherese vittima di mafia con la piantumazione di un albero alla memoria di Pietro Busetta. Vittima innocente di mafia, Busetta fu ucciso il 7 dicembre de 1984 in via Roccaforte, la sua unica colpa: aver sposato Serafina Buscetta, la sorella del collaboratore di giustizia Tommaso Buscetta, suo cognato.
C’è anche tanta musica in calendario dal concerto per pianoforte della Unitre, il concerto di Natale della Emmerre, i due concerti con uno itinerante organizzato dalla Banda Mascagni e il consueto concerto di Natale dell’associazione Bequadro diretto da Salvatore Di Blasi, per concludere con il concerto dell’Epifania, sempre a cura della Mascagni che vedrà protagonista la frazione marinara di Aspra.
Molte le presentazioni anche di libri: le poesie di Silvia Incandela, “Il conte Fuitondo e altre storie” di Gioacchino Di Giovanni, “Le donne in penombra” di Maricetta Gandolfo.
Spazio anche alle tradizioni “La fiaba della tradizione popolare sicilana” convegno e mostra di marionette e pupi a cura dell’associazione Nofriu e Virticchiu e della Consulta giovanile di Bagheria e con una Novena recitata in dialetto il 27 dicembre a villa Butera con brani natalizi a cura di Simpaty group.
«Mettere in campo le migliori forze della Città e presentare un ricco calendario non è da tutti» – sottolinea il sindaco di Bagheria Filippo Maria Tripoli – «ringrazio dunque le associazioni, i club, gli artisti, gli scrittori che hanno scelto le ville comunali, protagoniste indiscusse degli appuntamenti culturali di questo calendario».
Ha presentato ii programma insieme alla consulente Scannavino l’assessore Daniele Vella che ha detto: 
«Con questa vasta proposta di eventi, ricca su più fronti, da parte dell’amministrazione, Bagheria torna ad essere protagonista e luogo di attrazione in un territorio più vasto con una offerta culturale che copre quasi ogni giorno.

E’ un calendario a costo zero per l’amministrazione realizzato con le risorse degli stessi artisti e delle stesse associazioni proponenti e ancora di più quindi ringraziamo tutti coloro che hanno collaborato con noi.
Il Comune partecipa attraverso la messa a disposizione gratuita delle spettacolari location che sono le nostre ville storiche, con la logistica, con la sicurezza e con tutta l’opera di promozione e comunicazione. Auspichiamo che gli eventi siano tutti molto partecipati così come speriamo lo siano quelli del calendario spettacolo promosso dall’assessore Lo Galbo».

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.