f Bagheria. Meno della metà della popolazione, non paga il tributo Tari, la tassa sui rifiuti | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Meno della metà della popolazione, non paga il tributo Tari, la tassa sui rifiuti

martedì 10 Dicembre 2019, 12:28   Attualità  

Letture: 40.896

di Pino Grasso

“Meno della metà della popolazione, attualmente non paga il tributo Tari, la tassa sui rifiuti”.
A denunciarlo Vito Matranga, presidente dell’Amb, la partecipata del Comune che cura la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti in città. In effetti il dato del presidente dell’Amb viene confermato dal responsabile apicale della Direzione VI – Entrate Tributarie e Fiscali, Giuseppe Bartolone che ha assunto l’incarico dallo scorso mese di luglio.
“La percentuale degli evasori è del 45 per cento – dichiara Bartolone – infatti lo scorso anno 2018 per la Tari, ovvero a tassa per garantire il servizio rifiuti l’Amministrazione comunale ha incassato 4 milioni e100 mila euro, mentre quest’anno alla data del 30 settembre, il ruolino registra 3 milioni e 700 mila euro di incassato”. Ma non è soltanto la tassa Tari che viene evasa, anche l’Imu, ovvero la tassa sugli immobili viene disattesa da molti cittadini morosi. “Per quanto concerne l’Imu – dice ancora il dirigente comunale – nel 2018 sono confluiti nelle casse comunali 5 milioni e 50 mila euro e quest’anno 2019, fino ad ora sono state incassati 3 milioni e 350 mila euro con un recupero di una buona fetta di tasse che in precedenza non venivano pagate.

Questo grazie all’impegno dei miei collaboratori con i quali conto di aumentare, nel prossimo anno 2020, attraverso una serie di controlli incrociati, il gettito fiscale, almeno del dieci per cento”. In pratica mancherebbero all’appello circa 8 milioni di euro. Secondo Bartolone una parte di quanto recupero è dovuto ad una discreta partecipazione dei contribuenti che hanno aderito alla definizione agevolata dei debiti pregressi. “Il Consiglio comunale aveva approvato tale possibilità che prevede l’annullamento della sanzione per il periodo di contribuzione che va dall’anno 2000 al 2017 e in questo modo abbiamo recuperato qualcosa”.
Intanto a dicembre bussano alle porte altre scadenze per i contribuenti, ovvero il pagamento del saldo Imu che deve essere effettuato entro il 16 dicembre e il saldo Tari entro il 31 dicembre. Nel primo caso i cittadini hanno ricevuto i modelli F/24 per il pagamento in banca o all’ufficio postale, mentre nel secondo il modello in autoliquidazione deve essere scaricato collegandosi al sito del Comune. Sempre Giuseppe Bartolone ricorda che le aliquote sono uguali allo scorso anno.
Intanto il consigliere comunale di maggioranza, Gino D’Agati, in quota “
Radici Future” ringrazia il presidente Matranga per aver sollevato la problematica della scarsa riscossione dei tributi in città e ricorda che: “Questo compito di controllo compete all’Amministrazione comunale – dice il consigliere – stiamo infatti potenziando l’ufficio, perché è importate far pagare tutti. Sono dell’idea che se tutti pagano, la Tari verrà ridotta e ci guadagneremo tutti”.
Il 
portavoce di “Articolouno Bagheria” Rosario Tomasello afferma che “la Tari copre il costo del servizio, a parte una piccolissima percentuale accantonata nel fondo evasori. Impegniamoci tutti invece ad aumentare la raccolta differenziata in quantità e qualità con la premialità, diminuiamo l’abuso di noli a caldo e a freddo, e avremo una diminuzione del costo del 20 per cento con la possibilità di assumere almeno altre 11 persone a potenziare il servizio”. Nell’ambito della lotta all’evasione ed elusione fiscale, ancora molto alta come si può notare, nonostante i controlli esercitati, istituita con una direttiva del Segretario generale del Comune, Daniela Amato, di concerto con l’Amministrazione comunale, una cabina di regia, quale struttura di riferimento comunale sulla riscossione di tutte le entrare del Comune, con compito di coordinamento tra gli uffici. Il provvedimento dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Filippo Tripoli è stato varato, in considerazione della delicata situazione finanziaria in cui si trova il Comune di Bagheria anche a seguito degli effetti ereditati dal dissesto finanziario. L’Amministrazione comunale ha infatti, deciso di puntare al potenziamento della riscossione di tutte le entrate in modo sinergico e trasversale ed ha dato specifico indirizzo di adottare le misure organizzative necessarie con il coinvolgimento di tutte le direzioni al fine di assicurare l’interscambio di dati tra i diversi uffici e servizi. Inoltre, con la direttiva dello scorso 9 luglio scorso, relativa alla riscossione delle entrate comunali ed equilibri di  bilancio  e  sana  gestione  finanziaria,  il  Segretario generale ha emanato specifiche disposizioni organizzative in materia e in particolare ha disposto che venga nominato un referente in ciascuna direzione per occuparsi della riscossione delle entrate di competenza e per interfacciarsi con la cabina di regia. 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.