f Casteldaccia. Corruzione al Comune: il sindaco e gli altri indagati negano ogni accusa | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Casteldaccia. Corruzione al Comune:
il sindaco e gli altri indagati negano ogni accusa

giovedì 12 Dicembre 2019, 15:15   Attualità  

Letture: 37.989

Sono stati tutti ascoltati dal giudice per le indagini preliminari Stefania Galli, i 5 imputati coinvolti nel presunto giro di tangenti a Casteldaccia.
La settimana scorsa sono finiti agli arresti domiciliari il sindaco Giovanni Di Giacinto, gli assessori Giuseppe Montesanto e Maria Tomasello, il funzionario Rosalba Buglino e il geometra Salvatore Merlino.
Tutti hanno risposto alle domande, mentre l’unico ad essersi avvalso della facoltà d non rispondere è stato il geometra Merlino.
Secondo il resoconto di un articolo apparso questa mattina sul Giornale di Sicilia, tutti avrebbero negato le accuse a loro carico e anzi, il sindaco Di Giacinto sarebbe passato al contrattacco.
Inoltre gli avvocati degli imputati hanno chiesto la revoca delle misura cautelare degli arresti domiciliari, ma il pubblico ministero, Daniele Di Maggio, si è opposto e il giudice per le indagini preliminari si è riservato di decidere.
I 5 indagati devono rispondere dell’accusa di d corruzione, abuso d’ufficio, falso materiale e ideologico.
Il sindaco Di Giacinto, secondo l’accusa, avrebbe siglato accordi con una cooperativa che gestiva o servizi sociali e in cambio avrebbe piazzato giovani da indicati in precedenza.   I carabinieri della compagnia di Bagheria avrebbe inoltre registrato numerose conversazioni, dopo avere piazzato alcune cimici all’interno del Comune, in cui si sarebbero consumati gli illeciti contestati.
Accuse che come detto gli indagati hanno negato nell’udienza di ieri mattina.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.