f Nuovo pentito nella famiglia mafiosa di Bagheria. Si tratta di Emanuele Cecala | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Nuovo pentito nella famiglia mafiosa di Bagheria. Si tratta di Emanuele Cecala

venerdì 20 Dicembre 2019, 19:09   Cronaca  

Letture: 52.596

Nuovo pentito di mafia affiliato alla famiglia di Bagheria.
Si tratta di Emanuele Cecala, 42 anni, originario di Caccamo, che collabora con i magistrati di Palermo da qualche settimana.Lo scorso marzo è diventata definitiva la sua condanna a 30 anni per Antonio Canu, ucciso a colpi di pistola il 27 gennaio 2006 e ritrovato cadavere nelle campagne di contrada Minnulidda, fra Sciara e Caccamo.
I boss avevano cercato di ucciderlo simulando un incidente stradale. Da allora, Canu iniziò ad essere “un morto che cammina”, come lo definì il collaboratore di giustizia Nino Giufrrè, padrino di Caccamo e braccio destro di Bernardo Provenzano. Perché il “Tribunale di Cosa nostra” l’aveva giudicato colpevole di organizzare furti senza autorizzazione. Per anni del delitto nulla si è saputo. Almeno fino a quando non ha iniziato a collaborare con la giustizia Sergio Flamia, mafioso di Bagheria che ha tirato in ballo Michele Modica ed Emanuele Cecala.
Emanuele  Cecala potrebbe conoscere tanti segreti in una zona della provincia di Palermo dove negli ultimi decenni sono stati commessi molti omicidi, di cui alcuni irrisolti.
Il primo verbale di Cecala è stato depositato al Tribunale del Riesame nell’ambito delle indagini sui buttafuori controllati da Cosa Nostra. Tra gli arrestati dello scorso settembre c’era anche Massimo Mulè, scarcerato perché è caduta l’accusa che sia il capo della famiglia mafiosa di Ballarò. Alcuni degli arrestati gravitavano negli ambienti criminali di Bagheria.
Da qui le conoscenze dirette di Cecala che si incrociano con quelle di altri pentiti: i Lombardo, padre e figlio, di Altavilla Milicia, Salvatore Lo Piparo e Sergio Flamia di Bagheria.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.