f Bagheria. Il prefetto di Palermo Antonella De Miro al progetto "non è roba per te" | La Voce Di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il prefetto di Palermo Antonella De Miro al progetto “non è roba per te”

giovedì 6 Febbraio 2020, 09:24   Attualità  

Letture: 4.077

Sarà presente anche il prefetto di Palermo, Antonella De Miro, alla presentazione del progetto “Non è Roba per te”  sabato 8 febbraio 2020, alle ore 10,00, presso villa San Cataldo, a Bagheria.Il progetto di sensibilizzazione e prevenzione al consumo di droga è promosso dall’amministrazione comunale con il coordinamento dell’assessorato alle Politiche Sociali e Giovanili, guidato da Emanuele Tornatore.
Come già annunciato in un precedente comunicato stampa, il progetto “Non è ROBA per TE” è stato pensato per contrastare la diffusione ed il consumo della droga nel territorio di Bagheria e nel distretto 39 che comprende  i comuni di Altavilla Milicia, Santa Flavia, Casteldaccia e Ficarazzi oltre che il capofila Bagheria.
Interverranno alla presentazione: il sindaco di Bagheria, Filippo Maria Tripoli, il responsabile Ser.T- ASP di Bagheria Giuliana Milazzo, il Presidente di FederSerd Guido Faillace, il presidente Intercear Biagio Sciortino,  Antonio Mancuso vicario episcopale della Diocesi di Palermo.Concluderà i lavori Salvatore Lo Bue della comunità terapeutica  “Casa dei giovani“.
Saranno presenti inoltre: il provveditore agli studi di Palermo, i sindaci dei comuni del distretto socio-sanitario 39, rappresentanti del commissariato di Polizia, del comando dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, i dirigenti scolastici e docenti referenti delle scuole medie e superiori del distretto socio-sanitario 39, rappresentanti degli studenti degli istituti superiori, responsabili delle comunità parrocchiali, educatori dei gruppi scout, rappresentanti di associazioni sportive, le Caritas cittadine, i centro di ascolto, associazioni di promozione sociale e di volontariato, associazione dei genitori, ed i referenti dell’associazione medica bagherese.
È  volontà dell’amministrazione guidata da Filippo Maria Tripoli avviare un percorso di sensibilizzazione e informazione sull’uso e sulla ricaduta sociale e relazionale delle droghe, coinvolgendo le Forze dell’Ordine, la Comunità Terapeutica, l’ASP in particolare Sert e Consultorio e scuole.
Le fasi del progetto sono 4: la prima prevede la costituzione di una equipe  focus informativi sulle fragilità; la seconda sarà caratterizzata da contest artistici “Non è roba per te”; la terza prevede la realizzazione e produzione di materiale informativo ed infine la quarta si concluderà con la realizzazione di di un centro di aggregazione giovanile.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.