°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Giugno 4th 2020, giovedì
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • VEN 5
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • SAB 6
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • DOM 7
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • LUN 8
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %

giovedì 4 Giugno 2020

giovedì 4 Giugno 2020

Subirà un trapianto di pelle, Maria Catronovo, che fece uccidere la zia Maria Corona

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su google
Google+
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Sarà sottoposta ad un intervento all’ospedale Civico di Palermo, Francesca Maria Castronovo, la donna di 39 anni che ha assoldato due nordafricani per uccidere la zia, Maria Angela Corona. Il cadavere della donna venne ritrovato il 16 aprile scorso, nelle campagne fra Bagheria e Casteldaccia, dilaniato dai cani. Francesca Maria Castronovo sarà sottoposta ad un trapianto di pelle per sanare le ustioni di secondo grado che ha riportato a seguito del tentato suicidio, subito dopo la morte della zia, perché pentitasi di quello che aveva fatto.

A seguito dell’intervento cui dovrà essere sottoposta, la donna, rea confessa, non andrà in carcere, almeno per il momento.
Nei giorni scorsi è stata sottoposta l’autopsia al corpo di Maria Angela Corona. Si attende l’esito dell’esame autoptico.

Maria Francesca Castronovo, 39 anni ha confessato di avere assoldato i due nordafricani: Gui Morel Diehl di 23 anni e Toumani Soukouna, di 28 anni, che il 14 aprile scorso, prima strangolarono la donna e poi gettarono il corpo in un dirupo.
I due avevano pattuito la somma di 15 mila euro, ma Maria Castronovo ha dichiarato che subito dopo il delitto, diede loro tutti i soldi che aveva, circa 100 mila euro.

Il delitto sarebbe stato architettato dalla nipote della vittima, perché avrebbe subito numerose e ripetute angherie.
La donna si sarebbe rivolta ai due nordafricani per commettere l’omicidio.
I due arrivarono da Palermo, in bicicletta, il giorno dopo, in via San Fratello. Ad aspettarli la donna. Subito dopo arrivò la vittima che venne strangolata con un cordino, poi ritrovato.

Pare che uno di loro, al momento dell’omicidio, tenesse il telefonino in modalità telecamera.
A confessare il delitto è stata la Castronovo, mentre si trovava ricoverata in ospedale. E mentre lei si addossava la colpa, il fidanzato le diceva che a commettere il delitto erano stati i due nordafricani.

Francesca Maria Castronovo subito dopo il delitto aveva riportato diverse ustioni sul corpo a seguito di un incendio divampato nella sua auto, una Citroen C3, nei pressi del cimitero di Bagheria. Aveva deciso di uccidersi, facendo esplodere una bombola del gas. La salvò il fidanzato che riuscì a chiudere la bombola e portarla in ospedale.
Per questo motivo sarà sottoposta ad un trapianto di pelle.

°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Giugno 4th 2020, giovedì
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • VEN 5
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • SAB 6
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • DOM 7
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • LUN 8
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %