Misilmeri. Agli arresti domiciliari due cugini per spaccio di droga

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su google
Google+
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il commercio di marijuana ancora una volta avviene in ambito familiare.
I carabinieri della stazione di Belmonte Mezzagno e Bolognetta hanno arrestato per produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente due cugini D.M.A. e D.M.M. di 33 e 36 anni, residenti a Bolognetta.
I militari hanno notato i due uscire da un’abitazione rurale a Misilmeri. I carabinieri hanno voluto vederci chiaro e hanno organizzato un servizio di appostamento.

Insospettiti hanno deciso di perquisire l’immobile rinvenendo più di 3,5 chili di marijuana già esiccata, 8 piante, un bilancino, materiale per il confezionamento e più di 1500 euro ritenuti provento dell’attività illecita.

Il tutto è stato sottoposto a sequestro, la droga che immessa sul mercato del dettaglio avrebbe fruttato fino a 20.000 euro.
La droga sarà analizzata dal laboratorio del comando Provinciale di Palermo. I due cugini sono finiti agli arresti domiciliari, su disposizione dell’autorità giudiziaria, in attesa dell’udienza di convalida. L’operazione messa a segno nei giorni scorsi non è la prima che viene condotta dai carabinieri nella zona. In altre due operazioni la droga veniva commercializzata da persone della stessa famiglia.

Il 16 settembre i carabinieri di Bolognetta hanno sequestrato 120 piante di marjiuana, oltre a tutto il necessario per il confezionamento.

Agli arresti domiciliari in manette in quell’occasione finirono D.A. e D.V., rispettivamente padre e figlio, palermitani di 43 e 24 anni. I due dopo il fermo sono finiti agli arresti domiciliari.  

I carabinieri si erano insospettiti da un insolito “via vai” all’interno di un’abitazione e hanno deciso di entrare in azione, cercando di capire cosa stesse succedendo.

Hanno quindi avviato dei controlli che hanno dato esito positivo. Hanno scoperto che padre e figlio avevano allestito una piantagione “indoor” di marijuana con ben 120 piantine che producevano la droga che veniva venduta al dettaglio, a tutti coloro che si recavano nella loro abitazione per fare rifornimento.

All’interno dei locali inoltre sono stati rinvenuti materiali fertilizzanti e diverse attrezzature come lampade alogene deumidificatori, impianti di aspirazione e ventilatori alimentati attraverso un allaccio abusivo alla rete Enel. Il 7 settembre, sempre di Bolognetta, i carabinieri della compagnia di Misilmeri arrestarono, con l’accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio P.B. di 61 anni e P.C. di 18 anni, padre e figlia, e denunciato per il medesimo reato il fratello e il fidanzato della giovane. Vennero rinvenute tre piante di marijuana, sei barattoli contenenti 60 grammi della stessa sostanza stupefacente e un bilancino digitale. Altre dosi di marjiuana vennero rinvenute nelle abitazioni palermitane del fidanzato e del fratello che erano nelle disponibilità dei due giovani.

°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Novembre 24th 2020, martedì
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • MER 25
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • GIO 26
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • VEN 27
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • SAB 28
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %