°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Luglio 22nd 2024, lunedì
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • MAR 23
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MER 24
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • GIO 25
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • VEN 26
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %

lunedì 22 Luglio 2024

lunedì 22 Luglio 2024

I cunti di Sicilia. “La pignata” nella lingua siciliana. di Anna Citta

Facebook
X
WhatsApp
Email
pignata
anna citta
ANNA CITTA
4 minuti

 

La Lingua siciliana rappresenta la nostra storia. Il nostro lessico è chinu di Grecismi, arabismi, francesismi, spagnolismi, e tanti avutri ancuora. Nella Lingua Siciliana si trovano le impronte della storia dell’Isola, fatta di invasioni di li genti del Mediterraneo e d’Europa.

La parola presa in esame oggi è ‘pignàta’ (pentola) che deriva dallo spagnolo: piñada. La parola pignata è molto usata nei proverbi siciliani e spesso la usiamo per indicare la pentola con cui cuciniamo la salsa o quella per bollire la pasta. Anche parlando in italiano usiamo sempre la parola ‘pignata’. Spesso le parole entrano a far parte dell’ italiano regionale, ma nuatri non ce ne rendiamo conto. Le usiamo tante volte ca pi nuatri è normale utilizzarle nella lingua parlata di ogni giorno. Un modo di dire canusciutu dalle nostre banne è: ‘Pignata taliata ‘un vugghi mai’. Ravanzi alla pignata, il siciliano è impaziente di mangiare il suo contenuto. Specialmente quannu sta muriennu ra fami. E allora tastamu la pasta più volte, fino a quannu ti nni manciasti mezzu kilu e quella che scoli è propriu n’anticchia. Aviemu primura, siamo impazienti. Questo proverbio ci invita all’attesa, ad avere pazienza, ad aspettare che i tempi siano più maturi.

Tradotto letteralmente significa che la pentola guardata non bolle mai. Io immagino la scena di noi siciliani famelici, davanti a un pignatuni; aspettiamo quel momento idilliaco di fare l’amore con il sapore. Nuatri chiudiamo gli occhi mentre assaggiamo qualcosa di succulento, puru ca si tratta di una semplice pasta asciutta. Taliamu a pignata, quasi quasi ci ciusciamo per fare presto. A panza canta fami, ma la pignata ci impiega un’eternità a raggiungere il bollore. E vieru è, quannu aspettiamo qualcosa con troppa ansia, non arriva mai. Altro detto dove c’è nfilata pure la pignata è questo: ‘li guai di la pignata li sapi la cucchiara ca arrimina’. Chi veni a diri? La traduzione è ‘ I guai della pentola li conosce soltanto il cucchiaio che li mescola’. Ognuno di noi è a conoscenza dei propri guai e all’avutri nun ci nni futti nenti. E quindi? E quindi nienti maravigghia supra a vita i l’avutri. Picchì si dice: ‘cu si fa maravigghia s’incoppa cu tutta a cavigghia’. ( Chi si meraviglia si incastra con tutta la caviglia). Ma chista va cuntu n’avutra vuota. Baciamu li manu!

Anna Citta è una docente di Lingua e Letteratura Inglese. Vive a Porticello, un piccolo borgo marinaro. Ha due grandi passioni: il mare e il dialetto siciliano. Da circa 10 anni Si interessa di tradizioni popolari e di detti tipici del nostro dialetto, usi e costumi, proverbi e altro. Il suo è uno studio senza fine, una grande passione che coltiva nel tempo libero. Pensa che studiare una lingua sia il modo giusto per entrare nella vita della gente, per capire i sentimenti di un popolo e il loro modo d’essere, per sentirne gli odori, i sapori e conoscere il dolore della gente. Per questo ama la Sicilia e la sua sicilianità.

°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Luglio 22nd 2024, lunedì
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • MAR 23
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MER 24
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • GIO 25
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • VEN 26
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %