f La Forestale di Bagheria denuncia due persone e sequestra due discariche | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

La Forestale di Bagheria denuncia due persone e sequestra due discariche

mercoledì 21 febbraio 2018, 09:48   Cronaca  

Letture: 22.707

di Martino Grasso

Guerra all’abusivismo edilizio e alla presenza di discariche abusive da parte del corpo forestale di Bagheria.  Nei giorni scorsi hanno messo a segno alcune operazioni per reprimere il fenomeno.Nel corso di un servizio di perlustrazione del territorio, gli uomini della sezione di Bagheria, guidati dal comandante Giuseppe Licata, hanno denunciato due persone residenti a Bagheria L.M.R. di 69 anni e G.C. di 71 anni. I due, marito e moglie, avrebbero realizzato un manufatto ad una elevazione, utilizzato come deposito, in contrada Feotto Raiata, alla periferia di Bagheria, in totale assenza di autorizzazione.
Due invece le discariche a cielo aperto a Trabia e ad Altavilla Milicia.
A Trabia, in contrada Cozzo Suvarita, è stata sequestrata un’area di circa 800 metri quadrati, dove sono stati trovati grosse quantità di rifiuti speciali pericolosi come eternit frantumati e rifiuti non pericolosi come carcasse d’auto.
Presenti anche materiali di risulta da demolizioni e sfalci di potatura.L’area è di proprietà del Comune di Trabia e risultava abbandonata.
L’area è stata sequestrata e affidata al Comune per il ripristino dei luoghi. Sarà compito dei responsabili comunali recintare l’area, per evitare che si ripetano in futuro episodi di abbandono di rifiuti pericolosi.
Un’altra discarica a cielo aperto è stata individuata e sequestrata nel comune di Altavilla Milicia.
Si tratta di un’area di circa 350 metri quadrati che sorge in contrada San Michele.
Sul luogo gli uomini del corpo forestale di Bagheria hanno individuato rifiuti speciali come lastre di eternit integre e frantumate e materiale di risulta da demolizioni.
L’area era di proprietà di una signora morta negli scorsi anni che non ha aveva eredi. Per questo motivo la zona sequestrata è stata affidata al Comune per  la bonifica e la realizzazione della recinzione.

 

  

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.