°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Maggio 26th 2024, domenica
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • LUN 27
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MAR 28
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MER 29
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • GIO 30
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %

domenica 26 Maggio 2024

domenica 26 Maggio 2024

“A proposito di autonomia differenziata”

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email
ars
nicolo benfante
nicolò benfante
3 minuti

Il tema delle competenze tra Stato e Regioni è attualmente al centro del dibattito politico.
Il Consiglio dei Ministri in data 02/Febbraio/2023 aveva approvato un DDL (disegno di legge) sull’autonomia differenziata, un vero e proprio capolavoro di riforma “legale” e strutturale per l’Italia, nel segno dell’efficienza, sviluppo e responsabilità.

Sono certo che l’approvazione di tale riforma, voluta fortemente dall’attuale Ministro per gli affari regionali e le autonomie Onorevole Calderoli, è passata inosservata per buona parte del popolo italiano, attratto ed intento a seguire il festival (nazional popolare) della canzone italiana in quel di Sanremo.

Ritengo che l’attuale Ministro, con tale disegno di legge, abbia fortemente a cuore l’interesse di un popolo (unito) nel richiedere (prodomo sua), in autonomia per le Regioni a statuto ordinario, una distribuzione (iniqua a mio avviso) di risorse ed una dotazione di servizi alla cittadinanza dalle competenze esclusive su alcune materie (istruzione – gestione porti ed aeroporti – gestione rete di trasporto e distribuzione dell’energia – valorizzazione beni culturali ed ambientali), attualmente di competenza dello Stato.

Dopo il Ratto delle Due Sicilie, il disegno di legge “politically correct” arrecherebbe vantaggio a favore di Regioni dotati di maggiore capacità amministrativa e vicino ai bisogni di un elettorato di comodo, piuttosto che sottostare alla burocrazia di uno statalismo centrale.

Certamente, un passaggio decisivo della norma condizionerebbe i LEP (livelli essenziali delle prestazioni), cioè quelle soglie minime di servizi che vanno garantite a tutti i cittadini sul territorio nazionale, altresì previste dalla Costituzione per tutelare i diritti sociali e civili di tutti gli individui.

Atteso che l’attuale proposta di passaggio di competenza ed efficacia in autonomia alle Regioni più efficienti determinerebbe un ampliamento del differenziale con quelle meno efficienti, a nulla varrebbe l’ipotesi di un ammortamento, per colmare il gap, con fondi e funzioni perequative dello Stato.

Di fatto, abbiamo visto come il principio del Federalismo fiscale, anziché mitigare le diseguaglianze tra Regioni, ha generato divergenze strutturali in campo di equità fiscale e determinato squilibri economico-sociali nell’erogazione di servizi di competenza.

Ma questa è un’altra storia “meridionale”!

°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Maggio 26th 2024, domenica
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • LUN 27
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MAR 28
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MER 29
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • GIO 30
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %