°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Giugno 20th 2024, giovedì
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • VEN 21
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • SAB 22
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • DOM 23
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • LUN 24
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %

giovedì 20 Giugno 2024

giovedì 20 Giugno 2024

Aspra. Anche la Cassazione assolve definitivamente Stefania e il padre per la morte di Rosario Vitale

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email
stefania lo piparo
4 minuti

Si pone definitivamente la parola fine ad una storia di cronaca che risale a 14 anni fa.
Anche la corte della Cassazione ha assolto definitivamente Stefania Lo Piparo e il padre Stefano, per la morte di Rosario Vitale (ex marito di Stefania), avvenuta il 17 settembre 2007 ad Aspra.
La Cassazione ha confermato la sentenza della corte d’appello che nel 2019 aveva assolto i due con formula piena per non aver commesso il fatto.
La sentenza è stata resa nota nel corso dell’ultima udienza svoltasi a Roma.
A difendere i due: Isabella Giuffrida di Catania e Raffaele Restivo e Giovanni Di Benedetto di Palermo.
La Cassazione nel mese di marzo del 2017, aveva annullato, con rinvio alla Corte d’Assise d’appello, l’assoluzione per Stefania e Stefano Lo Piparo, accusati dell’omicidio di Vitale, morto per una coltellata allo stomaco.


“Sono molto felice di avere finalmente ricevuto giustizia -commenta Stefania Lo Piparo-. Ho ingoiato accuse ed umiliazioni per 14 lunghissimi anni e mi sono sentita in colpa per una sola ragione ovvero per essere rimasta in vita. Come se mi volessero punire per essere sfuggita alla morte. Io ed i miei genitori abbiamo avuto giustizia da Dio e dagli uomini. Ringrazio le persone che in questi anni mi sono state vicine e Ringrazio soprattutto la mia fede che mi ha tenuto in vita e mi ha dato una straordinaria forza di resistenza per poter andare avanti e guardare soprattutto al futuro che mi sta a più a cuore ovvero quello di mio figlio.”Il giorno della morte di Rosario Vitale, l’uomo agonizzante, riferì ai carabinieri che non era stato accoltellato dalla moglie  o dall’ex suocero, ma si limitò a chiedere di essere accompagnato all’Ospedale.
In primo grado i Lo Piparo erano stati condannati a 16 anni. Ma la sentenza venne ribaltata dalla corte d’Appello che aveva assolto i due con formula piena, “per non avere commesso il fatto”.
Rosario Vitale venne trovato a terra agonizzante in via Don Bosco, ad Aspra. Accanto a lui l’ex moglie, Stefania Lo Piparo.
La donna ha anche raccontato la sua storia in un libro dal titolo “Quando l’amore diventa follia”.
Nel volume si raccontano le continue violenze subite dal marito nel corso di una decina di anni. Ha anche raccontato le fasi drammatiche della morte dell’uomo raccontando che si era ferito per non essere arrestato.
La Corte di Cassazione ha chiuso una vicenda giudiziaria durata ben 14 anni.
Adesso Stefania Lo Piparo e il padre potranno guardare il futuro con il sorriso.

°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Giugno 20th 2024, giovedì
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • VEN 21
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • SAB 22
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • DOM 23
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • LUN 24
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %