°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Marzo 3rd 2024, domenica
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • LUN 4
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MAR 5
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MER 6
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • GIO 7
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %

domenica 3 Marzo 2024

domenica 3 Marzo 2024

I cunti di Sicilia. “Ma l’amuri chi vol diri? Chi veni a diri nnammuratu?” di Anna Citta

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email
coppia anziani
6 minuti

E pinsava, tra mia e mia, a quantu canciaru li cosi nei giorni d’oggi. Pinsavu a l’amuri e comu s’addumannava Ninu Martoglio puru io mi pigghiau ri mmiria e m’addumannau: “ma l’amuri chi vol diri? Chi veni a diri nnammuratu?” Liggennu liggennu sta puisia mi vinniru menti tanti ricordi cuntati, tanti cosi succiruti quannu era io picciridda.

L’amuri è du sintimentu ca fa battiri lu cori forti, ti trasi rintra u pettu e tutta affruntata addivienti russa ne masciddi. Acchiana du focu mpruvvisamenti che non puoi controllarti. Mi retti sta spiegazioni u cori miu. Ma è pi tutti accussì? L’amuri di na vota era chiù forti, chiù addisiatu. Nun c’erano tutti sti cosi moderne, sti nisciuti cu l’amici, sti aperol sprizzi, barri barri, runni pi viriri na fimmina un masculu avièva acchianari mura lisci. Vi cuntu na storia sapurita, pi farivi capiri quantu era difficili la vita d’un tempu. Ata sapiri ca me ziu Larienzu si nammurò ri na picciotta ru paisi. La picciotta era sapurita, mma la madri era anticchia ruci ri mussu. Chi voli riri? Ruci di mussu intendevo dire che era un tipo alquanto permalosa e gilusa della figghia. Volle il destino che i due innamorati coronassero questo sogno dello zitamento in casa. E accussì fu fattu. I parenti ru zitu purtaru ciuri e dolcin, ficinu un bellu trattamientu, vinièva u cuori. Sabbinirica patri e figghia, sabbinirica matri e nuora. Si ficiru i ficu, cioè la cosa andò in porto e questo fidanzamento addivintò una cosa seria. C’era sulu un problema seriu: u zitu non poteva vasare la zita e nemmeno toccarla. Un s’avièva arrisicari, in caso contrario avrebbe compromesso la picciuttedda. Ma canuscennu a me ziu ca eru un masculazzu nnamuratu a cumminò ruòssa. Una sera d’inverno si recò a casa della sua fidanzata. “Permesso e mi nfilu” salutò pi prima a suoggira e poi il resto dei parenti che erano in cucina vicino al lume addumato per fare luce intorno ai commensali. U zu Larienzu sassittò e la suocera lo fece sedere un po’ distante dalla fidanzata in modo che non potesse neanche sfiorarle la mano. Ma u problema un fu chistu. Me zio stava fremendo pi na vasata alla zita, sguardi nella penombra, lume sempre acceso, fiamma che acchianava e scendeva. Me ziu sa pinzò buona. Decise di far cadere il lume a terra e baciare la zita afferrandola di fretta. Tutto questo episodio si svolse in pochi minuti ma furono i minuti che determinarono tutta a so vita. Fici cariri u lumi ntierra e si muddò verso la fidanzata. Lui era sicuro che stava baciando con tanto ardore e passione la sua fidanzata. Me ziu ntisi soltanto qualcosa di spinoso sopra la bocca ma mmienzu a cunfusiuoni unni capiu nienti. Il problema fu quannu addumaru u lumi. Si rese conto di aver baciato la suocera e non la fidanzata. Comu ci finiu? Poviru ziu miu, u iccaru fuora e a distanza di poco tempo ha dovuto sposare la picciotta perché, agli occhi dei familiari, era stata compromessa. Ma vu mmaginati? Senza manciari e bivirinni fu colpevole di un simile misfatto. C’arristò antichhia ri currivu, ma ridendo, ogni volta che lo raccontava diceva: “mi chi era pilusa me suoggira!” Per fortuna l’amore vince su tutto e vissero felici e contenti. Sabbinirica, ni vittimu e ni virièmu!

Anna Citta è una docente di Lingua e Letteratura Inglese. Vive a Porticello, un piccolo borgo marinaro. Ha due grandi passioni: il mare e il dialetto siciliano. Da circa 10 anni Si interessa di tradizioni popolari e di detti tipici del nostro dialetto, usi e costumi, proverbi e altro. Il suo è uno studio senza fine, una grande passione che coltiva nel tempo libero. Pensa che studiare una lingua sia il modo giusto per entrare nella vita della gente, per capire i sentimenti di un popolo e il loro modo d’essere, per sentirne gli odori, i sapori e conoscere il dolore della gente. Per questo ama la Sicilia e la sua sicilianità.

°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Marzo 3rd 2024, domenica
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • LUN 4
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MAR 5
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MER 6
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • GIO 7
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %