°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Settembre 30th 2022, venerdì
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • SAB 1
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • DOM 2
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • LUN 3
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MAR 4
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %

venerdì 30 Settembre 2022

venerdì 30 Settembre 2022

I cunti di Sicilia. “Profumu di zagara” di Anna Citta

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email
zagara
anna citta
anna citta
4 minuti

Profumu di zagara

Dovete sapire vussignuria che la zagara è un ciuri che rappresenta la nostra isola. In tuttu lu munnu stu ciuri è canusciutu e porta avutu lu nomi di la nostra terra. Delicatu e ruci voli essiri e tante storie gli appartengono. Nna la nostra terra, sparsu unnegghiè, troviamo stu ciuri straordinariu che offre uno spettacolo maraviglioso.

Sta zagara avi i ciuri candidi e profumati. La parola ‘zahara’ veni dall’arabu e veni a diri splendere di bianco. La parola sula ‘Zahr’ voli rire fiore. La zagara è ciuri d’aranciu e di limiuna. E’ u ciuri dell’amore vonnu riri, ora vi cuntu na storia antica, statemi a sentire. Picchì vi nni staiu parrannu? Era il fiore preferitu di mio nonno Ninu u Taoimmina. Iddu ri picciridda mi cuntava tanti stori antichi supra la zagara bedda. Storie che mi facevanu sognare, forse picchistu mi commuovo alla vista di un fiore, di un cielo bello chinu di nuvole e di l’azzurru ru mari infinitu, forsi pensu a quannu eru nica. Quannu vinieva u jornu del suo compleanno vuleva in regalo sempre u profumu di zagare siciliane. Non ho più trovato questo profumo, sarà picchì passò di moda, sarà picchì l’iebrica canciò. Mi cuntava di la bedda picciotta ca si nnammurò di un re spagnolo ca si truvava in terra di Sicilia. Un giorno la picciotta diede in dono al re una pianta d’arancio. U re apprezzò molto questo dono e lo fece piantare nel suo bel giardino. Era geloso della sua pianta e temeva che qualcuno potesse chiederne una ramuzza pi chiantalla nel suo giardino. E accussì fu. Un giorno un ambasciaturi stranieru ch’addumannò senza ritegnu, ma u re ci rissi di no, non poteva donare un regalo accussì priziusu. L’ambasciaturi parrò cu giardiniere del re e cercò di corromperlo, e accussì fu lu fattu. Il giardiniere ricevette dei soldi con i quali riusci a far sposare la figlia c’un picciotto rispettabile. Ornò il suo capo con un ramoscello di zagara sui capelli. Era troppo biedda la fanciulla. A stu puntu la zagara aveva fattu la so strata, tutti la chiantarunu e crisceva rigogliosa e bella. Avemu li ciavuri sparsi nall’aria, ecco picchì la Sicilia è la terra di l’amuri. 
Baciamu li manu ovunque siate.

Anna Citta è una docente di Lingua e Letteratura Inglese. Vive a Porticello, un piccolo borgo marinaro. Ha due grandi passioni: il mare e il dialetto siciliano. Da circa 10 anni Si interesso di tradizioni popolari e di detti tipici del nostro dialetto, usi e costumi, proverbi e altro. Il suo è uno studio senza fine, una grande passione che coltiva nel tempo libero. Pensa che studiare una lingua sia il modo giusto per entrare nella vita della gente, per capire i sentimenti di un popolo e il loro modo d’essere, per sentirne gli odori, i sapori e conoscere il dolore della gente. Per questo ama la Sicilia e la sua sicilianità.

°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Settembre 30th 2022, venerdì
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • SAB 1
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • DOM 2
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • LUN 3
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MAR 4
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %