°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Gennaio 16th 2022, domenica
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • LUN 17
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MAR 18
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MER 19
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • GIO 20
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %

domenica 16 Gennaio 2022

domenica 16 Gennaio 2022

Il 1921 a Bagheria. Notiziario di cento anni fa

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
martorana
Giuseppe Martorana
14 minuti

     L’anno 1921 è ricco di avvenimenti che traggono spunto anche dalla fine della prima Guerra Mondiale che aveva causato tanti problemi da risolvere, compreso quello sanitario riguardante le misure  profilattiche contro il vaiolo. Vediamo in sintesi gli articoli più importanti pubblicati dal Giornale di Sicilia e da L’Ora.    

Sdoppiamento classi  –  Nei primi giorni dell’anno, una delle segnalazioni fatte dalla Stampa riguarda lo sdoppiamento delle classi, non ancora effettuato dopo tre mesi dall’inizio dell’anno scolastico. Tale operazione riguardava soprattutto  le prime e le seconde classi i cui  maestri – come scrive L’Ora dell’8-9 gennaio –“non possono svolgere il programma perché sono deliziati da cento e più alunni, i quali, in veto con le prescrizioni regolamentari e d’igiene, vengono ammassati in vecchi banchi e sulla predella, ragion per cui gli insegnanti sono avviliti e nauseati”.
Il corrispondente – che si firma Vice – sollecita vivamente il Regio Provveditore, la cui sede, in quel periodo, era ubicata in Via Sant’Agostino.
Scuola tecnica  – Il corrispondente prof G. Rotondo, su L’Ora del 12-13 gennaio, insiste sulla necessità di istituire nella nostra cittadina una scuola tecnica a indirizzo agrario-industriale.     “Diverse volte – ribadisce – abbiamo detto che Bagheria, dedita all’industria e al commercio e agricola per eccellenza, non ha nulla da ricavare dal Regio Ginnasio, Scuola che non risponde affatto alle esigenze della nostra popolazione scolastica. Il Ginnasio è scarsamente frequentato; dacché è stato istituito, non ha progredito di un passo. Infatti, il numero degli alunni frequentanti è quasi sempre lo stesso, oscillando dai 75 agli 80; mentre i due terzi degli alunni che conseguono il diploma di maturità se ne vanno a Palermo per frequentarvi le scuole tecniche e le complementari”.
Scuole serali –  Si sollecita alle autorità competenti la riapertura delle quattro sezioni di scuola serale che tanto beneficio apportano non solo agli adulti ma anche ai giovani non più obbligati a frequentare le scuole elementari diurne. La mancata riapertura crea un grave danno alle nostre maestranze e ai nostri agricoltori.  “Molti giovani – così scrive Giuseppe Rotondo su L’Ora del 22-23 gennaio – con le cognizioni che acquistano in esse, si mettono in grado di accudire, da sé alle proprie faccende, sia quando emigrano all’estero o quando vengono chiamati alle armi”. 
Aspra –Trasferimento del parroco –  Da Aspra, il corrispondente Scordato, su L’Ora del 25-26 gennaio, lamenta che dopo tre mesi da quando Il cappellano della Borgata, in seguito ad ordini del Cardinale, fu trasferito alla Cattedrale di Palermo, non si è pensato alla sua sostituzione.    Il cronista osserva: “Aspra ha una popolazione di circa 3500 abitanti e dista da Bagheria circa 4 Km. Per tutto quello che occorre e che non è di urgente si fa capo a Bagheria, ma per le circostanze urgenti, certo è che a Bagheria non si può andare. Infatti, ieri avvenne la morte di una donna che non poté ricevere sacramenti perché il parroco non ha pensato  ad assegnare finora un prete per disimpegnare quelle funzioni di prima necessità”.
Compagnia Filodrammatica – L’Ora del 26-27 gennaio, con un articolo firmato dal prof. Giuseppe Rotondo, dà notizia che in seno al Circolo Giovanile, oltre alla squadra di foot ball, si è istituita una sezione filodrammatica, la quale, in non poche rappresentazioni date al pubblico nel Teatro Lavore, ha riscosso il plauso della cittadinanza. Ma, la detta sezione, che ha lo scopo precipuo di dare recite di beneficenza a pro’ della Colonia marina di Aspra, dell’Orfanotrofio e delle pie istituzioni paesane non può assolvere il benefico mandato, perché manca dello scenario. Il signor Domenico Lavore, proprietario di due Teatri, è dispostissimo a concedere, gratuitamente, il Teatro di via Recezione (oggi via Goethe). Or, la Sezione potrebbe funzionare con esito felicissimo qualora il Comune e i cittadini concorressero con i loro mezzi per l’acquisto dello scenario.Provvedimenti scolastici  –  L’Ora del 30-31 marzo, comunica che l’assessore della P. I., Giuseppe Clemente Verdone, un giovane intelligente che ama molto la scuola, visto l’annoso problema della vetustà o della mancanza dell’arredamento scolastico, ha adottato provvedimenti energici perché le scuole siano messe in grado di funzionare regolarmente. I banchi sono stati riparati, i calamai sono stati rifatti, le carte geografiche saranno acquistate fra non guari.
14 aprile 1860 – Commemorazione dell’eroe Andrea Coffaro –  da L’Ora del 16-17 aprile 1921 – L’assessore per la P. I. avv. Giuseppe Clemente Verdone“ha richiamato l’attenzione del nostro corpo insegnante sulla necessità di commemorare nelle scuole, la data del 14 aprile 1860, a ricordo dell’eroismo compiuto dal bagherese Andrea Coffaro, l’ultima delle 13 Vittime che furono giustiziate a Palermo. I maestri hanno risposto all’appello del Prosindaco Verdone, a cura del quale, molti anni or sono, in una guida illustrata delle bellezze artistiche di questa città e di Solunto, furono raccontati gli atti di valore compiuti dai generosi figli di questa terra, che, con slancio spartano,  s’immolarono sull’ara della libertà” (allude alla Guida illustrata Bagheria- Solunto pubblicata nel1911).
Morte del senatore Aguglia – Muore a Roma, il 14 luglio, l’avv. Francesco Aguglia che per tre legislature era stato deputato benemerito del Collegio Bagheria-Termini.     Il nostro Consiglio Comunale, riunito d’urgenza, ha solennemente commemorato Francesco Aguglia con un discorso del sindaco cav. Silvestre Galioto, il quale enumerò le benemerenze dell’Estinto, ricordando il bene che l’opera sua tenace apportò a tutti i paesi del Collegio.     Già dieci anni prima la nostra Amministrazione comunale gli aveva dedicato una via, la penultima traversa a sinistra del Corso Butera, vicinissima all’omonima Villa.
Provvedimenti d’igiene per il vaiolo – Dal G. di S. del 23-24 aprile 1921– Constatiamo con vivo compiacimento che il vaiolo tende a decrescere notevolmente. L’Amministrazione comunale non ha esitato ad attuare le più oculate e urgenti misure per combattere il morbo. Per avviare i servizi d’accordo con l’Amministrazione comunale, il Prefetto ha inviato sul posto il medico provinciale aggiunto prof. Cav. Calamida, il quale  in un magnifico locale concesso con alto senso di civiltà dal nostro illustre on. Prof. Cirincione, è stato impiantato rapidamente un ospedaletto di ricovero per il quale la Prefettura ha inviato ottimo materiale lettereccio.
Prof. Giuseppe Cirincione  – Nel mese di maggio 1921 si svolgono le elezioni politiche, ad appena due anni da quelle del 1919. Dopo i risultati definitivi, L’Ora pubblica le dodici foto, quasi caricaturali, degli eletti nella Circoscrizione di Palermo. Tra questi il prof. Giuseppe Cirincione della Lista dell’Unione Nazionale.    Sotto la sua foto si legge questa didascalia: È per generale giudizio il primo clinico oculistico d’Italia. Eletto nel 1919, si è occupato specialmente di questioni universitarie e sanitarie.
Agenzia Banco di Sicilia – da L’Ora del 13-14 giugno 1921 – Il giorno 11 corrente, è stata aperta al pubblico la nuova Agenzia del Banco di Sicilia in Bagheria, compiendo i voti di questa industre ed operosa Città. Il nostro maggiore Istituto di Credito, attuando il suo programma di espansione nei più importanti centri economici dell’Isola, estende così anche a Bagheria i benefici del credito e gli apprezzati vantaggi dei suoi servizi di Banca e di Cassa di Risparmio.
Colonia Marina ad Aspra – Domenica 4 settembre viene inaugurata la Colonia Marina ad Aspra, voluta ardentemente dal prof. Giuseppe Cirincione e da tanti altri cospicui cittadini bagheresi. Alla stessa, su unanime votazione del Comitato promotore, fu dato il nome di Giuseppe Cirincione.      Tra i tanti discorsi – compreso quello del grande matematico Giuseppe Bagnera – carico di grande umanità e ispirato a nobili ideali sociali, è quello del prof. Cirincione. L’oratore – come si legge sul G. di S. del 5-6 settembre –“ricorda le esigenze  fisiologiche dei bambini che respirano quattro volte più dell’adulto ed hanno bisogno di nutrimento, d’aria salubre, di moto, d’igiene. Ed invece com’è diversa l’esistenza di tante centinaia, anzi migliaia di bimbi che dormono con la famiglia numerosa in stanzette anguste e luride, in cui, talvolta, hanno il loro giaciglio anche gli animali, che si nutrono di pan nero, e che talvolta soffrono addirittura la fame. E ricorda ancora che in genere, la borghesia nulla fa per diminuire l’evidenza di tale contrasto, mentre ha il dovere di lenire le sofferenze dei miseri, a cominciare da quelle dei bambini che sono i primi ad accorgersi a loro spese  dell’ingiusto trattamento sociale”.
Strada Bagheria-Misilmeri-Casteldaccia – Attraverso il giornale L’Ora, nell’edizione del 10 settembre, in un articolo firmato dal corrispondente prof. Giuseppe Rotondo, la cittadinanza apprende che, su interrogazione del Prof. Cirincione alla Camera dei Deputati la strada che allaccerà Bagheria-Ponte Quattro Finaiti-Misilmeri, da una parte e Casteldaccia dall’altra, presto sarà un fatto compiuto. Detta strada, da tempo, formava l’aspirazione dei tre laboriosi comuni, l’on. Prof. Cirincione l’ha preso a cuore ed il buon esito ha arriso alle sue fatiche. Egli vorrebbe raggiungere, in seguito, il grande scopo di allacciare i tre comuni con Baucina, attraversando i fondi Accia, Corvo, Torretta, Traversa, ecc. e così valorizzare tutta questa regione ubertosissima che è il territorio di Bagheria, Casteldaccia, Altavilla Milicia e Misilmeri.
Dissidi in seno alla Giunta Comunale – Il 29 settembre, durante un  Consiglio comunale convocato perché il sindaco Silvestre Galioto doveva dare urgenti comunicazioni se continuare a rivestire la sua carica o dimettersi, visto l’atteggiamento ostile assunto da due assessori della sua Giunta. Non fece i nomi, ma tutti sapevano che i due che contestavano la politica del sindaco erano Onofrio Scaduto e Onofrio Cirincione. Il Consiglio, dopo la lunga relazione del sindaco deliberò per acclamazione di respingere le sue dimissioni, di dichiarare decaduta la vecchia Giunta, procedendo all’elezione della nuova che fu così composta: Giuseppe Verdone, Michele Paladino, Salvatore Coffaro e Giuseppe Nasca. 
Il foot-ball – La prima società di calcio nella nostra Città era stata costituita nel 1919 e a essa era stato dato il nome di Pro Bagheria. Le prime notizie sui giornali che riguardano incontri disputati le troviamo nei mesi di novembre e dicembre 1921. Scrive L’Ora del 2 novembre: “ In un vasto campo adiacente alla stazione ferroviaria (Campo Scaduto all’Olivuzza), i giovani compiono le loro esercitazioni e lì hanno affrontato, con ardimento, la squadra “Sicilia”, venuta da Palermo e quella di Porticello.     Una delle prime formazioni: Gullo, Pintacuda, Aiello 1°, Sciortino 1°, Scola (Capitano), Tripoli, Meola, Lentini, Sciortino 2°, Giammarresi, Raspanti.
Apertura di una Scuola Tecnica Commerciale – Il G. di S. del 9-10 novembre dà notizia che per volere di alcune valorose insegnanti che, disinteressatamente hanno offerto l’opera loro e per le agevolazioni concesse dall’Amministrazione Comunale, da lunedì 7 s’inizierà il primo corso della Scuola tecnica commerciale, con annessa Scuola Serale di disegno e corso libero di lingua inglese. Affinché possano intervenirvi anche le ragazze che, il mattino, debbono accudire alla famiglia, le lezioni incominceranno alle ore 14. Molti giovanetti e moltissime signorine hanno modo di apprendere tante cognizioni necessarie a chi vive in un centro di eccezionale operosità commerciale come il nostro, spianandosi la via dell’avvenire.
     Alla festa inaugurale, svoltasi nel salone dell’ex Cassa Rurale in via Fricano (sede della Scuola), hanno assistito le Autorità, il Corpo insegnante, molti professionisti e numerosi studenti.

°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Gennaio 16th 2022, domenica
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • LUN 17
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MAR 18
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MER 19
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • GIO 20
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %