°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Febbraio 23rd 2024, venerdì
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • SAB 24
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • DOM 25
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • LUN 26
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MAR 27
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %

venerdì 23 Febbraio 2024

venerdì 23 Febbraio 2024

Santa Flavia. Morto Cristian, il ragazzino che si era sentito male a scuola. Lunedì i funerali

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email
scuola santa flavia
4 minuti

Non ce l’ha fatta. Il cuore del giovane Cristian Miceli, avrebbe compiuto 13 anni a maggio, si è fermato nel pomeriggio. In molti hanno sperato che le sue condizioni fossero migliorate. Ma non c’è stato nulla da fare. Il ragazzo frequentava la seconda media nell’istituto comprensivo Karol Wojtyla di Porticello, lungo la via Vittorio Emanuele Orlando. Venerdì, in una giornata qualunque, intorno alle 9,30, era andato in bagno, come aveva fatto altre volte. Ma venerdì ha accusato un malore e ha perso i sensi. E’ stato trovato dopo alcuni minuti dal personale della scuola. Accasciato a terra. Si è cercato di prestargli dei soccorsi e praticargli un massaggio cardiaco. Nell speranza che potesse rinvenire. Qualcuno ha chiamato un’ambulanza che è arrivata, dopo poco tempo, con il personale specializzato a bordo. La notizia del malore del ragazzo ha gettato nello sconforto l’intera scuola. Nessuno ha voluto commentarla, tutti si sono affidati alla preghiera.
“Avevamo terminato un soccorso a Bagheria e dalla operativa è arrivata la richiesta urgente di recarci nella scuola di Santa Flavia -ha detto dopo poche ore Anna Calcaterra medico rianimatore del 118, intervenuta sul posto- Ho trovato il personale della scuola che, in collegamento telefonico con i miei colleghi della sala operativa.

Stavano praticando il massaggio cardiaco. Appena arrivata ho iniziato le manovre. Lo studente è stato intubato per consentire all’ossigeno di arrivare al cervello e mi sono accertata che le vie respiratorie fossero libere.” il cuore aveva ripreso a battere. Si poteva sperare. Il giovane è stato portato all’ospedale dei bambini di Palermo. L’intervento è stato coordinato dalla sala operativa diretta dal medico Fabio Genco. Lo zio di Cristian è salito con il personale sanitario nell’ambulanza e ha raccontato che il nipote non soffriva di alcun disturbo né alcuna malattia.

Le condizioni del ragazzino sono però risultate subito gravissime. Questa mattina è stata decretata la morte celebrale. E nel primo pomeriggio il suo giovane cuore ha cessato di battere. Sarà il pm a stabilire se effettuare l’esame autoptico sul corpo del povero ragazzino. Le indagini sono condotte dai carabinieri di Bagheria.
Cristian viveva con la famiglia nella borgata di Sant’Elia, con i genitori: il padre pescatore e la mamma casalinga. Aveva un fratello più grande di lui che frequenta le scuole superiori a Bagheria. Una famiglia come tante altre. “Una famiglia per bene” racconta un signore.
Molti dei residenti di Santa Flavia e delle borgate di Porticello e Sant’Elia, hanno trascorso la notte fra venerdì e sabato pregando, organizzando dei gruppi di preghiera e affidando la vita del giovanissimo alla Madonna del Lume, protettrice di Porticello.
Tutta la borgata si è stretta attorno alla famiglia sperando in un miracolo. Miracolo che non c’è stato.
I funerali si celebreranno alle 10,00, lunedì, a Porticello.

°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Febbraio 23rd 2024, venerdì
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • SAB 24
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • DOM 25
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • LUN 26
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MAR 27
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %