°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Giugno 22nd 2024, sabato
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • DOM 23
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • LUN 24
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MAR 25
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MER 26
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %

sabato 22 Giugno 2024

sabato 22 Giugno 2024

Termini Imerese. Scoperta dalla Guardia di Finanza una truffa sulle soste a pagamento nel Comune

Facebook
Twitter
WhatsApp
Email
guardia di finanza
3 minuti

Nei giorni scorsi i finanzieri del Comando Provinciale di Palermo, su delega della Procura della Repubblica di Termini Imerese, hanno dato esecuzione a un decreto di applicazione di misure interdittive e di sequestro preventivo disposto d’urgenza nei confronti di sei soggetti, ai quali è stato contestato il reato di truffa ai danni dello Stato. Gli stessi, dal 2018 al 2021, nella gestione del servizio aree di sosta a pagamento nel Comune di Termini Imerese, avrebbero sottratto alle casse dell’Ente pubblico, anche attraverso artifici e raggiri, la somma di euro 95.221,45, pari alla differenza tra l’aggio dovuto al Comune e quello effettivamente versato.

Le indagini condotte dai militari del Gruppo di Termini Imerese, attraverso accurati accertamenti documentali e bancari e l’acquisizione forense dei dati registrati sui trenta parcometri installati sul territorio comunale, avrebbero permesso di accertare cospicui ammanchi di denaro, dovuti alla contabilizzazione di minori introiti, anche mediante false attestazioni, e alla mancata registrazione e comunicazione degli incassi derivati dal rilascio di abbonamenti a favore di residenti, commercianti e artigiani per l’occupazione degli stalli.
Dagli accertamenti, pertanto, sarebbe emersa la responsabilità dei Presidenti e agenti contabili esterni della cooperativa sociale affidataria del servizio di gestione, ai quali è stato applicato il provvedimento cautelare che dispone il divieto temporaneo di contrarre con la Pubblica Amministrazione per la durata di sei mesi.
L’attività delittuosa sarebbe stata svolta con il concorso del Responsabile Unico del Procedimento e del
Dirigente della Polizia Municipale pro tempore, per i quali il Giudice delle Indagini Preliminari ha disposto
l’applicazione, rispettivamente, della misura interdittiva del divieto temporaneo di contrarre con la Pubblica Amministrazione per la durata di sei mesi e della misura interdittiva della sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio o servizio. Il primo, infatti, avrebbe avallato la regolarità della contabilizzazione, e, unitamente al secondo, avrebbe sottoscritto e accettato, per gli anni di gestione 2019 e 2020, la richiesta di rimodulazione del piano economico finanziario, per un importo pari ad euro 52.000,00, avanzata dalla cooperativa sociale in virtù di asseriti flussi mensili di cassa negativi, rivelatisi, secondo le indagini, non veritieri, in quanto appositamente alterati al solo fine di ottenere l’autorizzazione a un minor versamento dell’aggio dovuto.

°
___
______
  • Minima ___°
  • Massima ___°
___
______
Giugno 22nd 2024, sabato
°
   ___
  • TEMPERATURA
    ° | °
  • UMIDITÀ
    %
  • VENTO
    m/s
  • NUVOLOSITÀ
    %
  • ALBA
  • TRAMONTO
  • DOM 23
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • LUN 24
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MAR 25
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %
  • MER 26
    ° | °
    Nuvolosità
    %
    Umidità
    %